Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Wcc: non manipolare Religione

Edizione del: 7 luglio 2013

“Le Comunità Religiose rifiutano la manipolazione della Religione, che si verifica spesso nei Paesi che affrontano difficili crisi”: è quanto sottolinea in una nota il World Council of Churches su l’attuale situazione in Siria.

Il Segretario Generale del Wcc, Olav Fykse Tveit, esprime “preoccupazione per gli atti di violenza e le distruzioni dei luoghi di culto”.

Nella nota, si richiama in particolare la brutale uccisione, avvenuta lo scorso 22 giugno, di un sacerdote Francescano siriano di 49 anni, Padre Francois Mourad, da parte di uomini armati che hanno assalito il Convento di Sant’Antonio da Padova a Ghassanieh.

“La popolazione Cristiana di Ghassanieh – osserva il Segretario Generale del Wcc – desiderava di stare in pace in questa parte della Siria, dove ha vissuto per secoli a fianco delle Comunità Musulmane locali”.

Per questo motivo, dal World Council of Churches giunge l’invito a ristabilire un clima di riconciliazione: “Incoraggiamo fortemente e invitiamo i Leader Musulmani a condannare tutti coloro che cercano di abusare dell’Islam per giustificare le aggressioni ai loro vicini”.

Si ricorda che “da tempo il Wcc è impegnato a ribadire il suo impegno contro la violenza, in modo da orientare l’opera Ecumenica in una direzione che mostra quanto siano uniti i Cristiani nel riaffermare la dimensione evangelica della pace e della giustizia nel mondo”.

You must be logged in to post a comment Login