Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Vescovi argentini contro droga

Edizione del: 7 dicembre 2013

I Vescovi argentini hanno sottolineato la loro preoccupazione riguardo i sempre più  numerosi episodi di violenza legati al narcotraffico e gli scandali che hanno messo allo scoperto collusioni tra Forze dell’Ordine e trafficanti di droga.

Lo hanno fatto elaborando un documento, “Il dramma dell’uso di droga e del narcotraffico”, presentato alla stampa dal Presidente della Conferenza Episcopale e Arcivescovo di Santa Fe de la Vera Cruz , Mons. José María Arancedo, e dal Presidente della Commissione Episcopale per la Pastorale Sociale e Vescovo di Gualeguaychú, Mons. Jorge Lozano.

Nel presentare il documento i Vescovi hanno chiesto “un’azione urgente” contro il traffico di droga ed il suo impatto sulla società soprattutto nei settori più vulnerabili , denunciando la mancanza di cooperazione nei settori coinvolti come pure la “complicità e la corruzione” di funzionari che sta creando in Argentina una situazione simile in Messico e Colombia.

Il rapporto esprime il “dolore e preoccupazione” per l’aumento del traffico di droga ed il suo impatto sulla società, e mette in guardia sulla corruzione a carico di membri delle forze di sicurezza, funzionari giudiziari e politici: “La collaborazione con i gruppi mafiosi mina la fiducia e scoraggia le aspettative cambiamento”, si legge nel documento che contiene 13 punti.

Arancedo ha spiegato che “c’è una situazione che sta tracimando a cui non è estranea i sospetti di complicità e corruzione dei dirigenti, membri delle forze di sicurezza , funzionari giudiziari e politici che collaborano con la mafia”, ed evidenziato la vacatio nella “Agenzia di Stato destinata a coordinare le politiche pubbliche in materia di droga, Sedronar, che è senza direzione da mesi”.

A partire da inchieste giornalistiche, l’Arcivescovo ha messo in evidenza il fatto che oggi “i confini sono più vulnerabili” e ha parlato dei “voli clandestini” per il trasporto di “merci e sostanze illegali”.

Una attenzione particolare è stata data poi alle azioni di riciclaggio di denaro: “ci sono certamente alcune imprese e altre attività commerciali direttamente collegate con chi ha a che fare con il riciclaggio di denaro proveniente dal traffico di droga”.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login