Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Vesc. Campania su Terra Fuochi

Edizione del: 10 gennaio 2014

Nuova presa di posizione dei Vescovi delle diocesi della Terra dei Fuochi: “Il disastro ambientale che denunciammo circa 1 anno fa si è trasformato in un vero dramma umanitario, anche per il tasso di patologie tumorali che, secondo alcuni, è più alto che in altre parti d’Italia”.

Il Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli, e gli altri Prelati lanciano un appello alle Istituzioni: “Fate presto, bisogna frenare il dilagare di paura e di mali”.

Sono parole drammatiche quelle che i Vescovi hanno scritto nella loro lettera-appello rivolta alle Autorità, in cui assicurano che la Chiesa della Campania non intende restare alla finestra.

“Non abbiamo competenza per dare suggerimenti e indicazioni – scrivono -, ma nella nostra azione Pastorale siamo pronti ad affiancare e a sostenere tutti gli uomini di buona volontà, facendoci interpreti dell’angoscia, delle attese e dei diritti di quelli che sono più deboli e indifesi, di quelli che non riescono a far sentire la loro voce e il loro pianto”.

“Durante questi lunghi mesi responsabile e costante sono state l’attenzione e l’apprensione espresse dall’Episcopato e dalla Chiesa della Campania, spiritualmente e umanamente vicine a chi è stato colpito negli affetti più cari, ma anche discretamente accanto ai tanti che si sono fatti testimoni del meraviglioso risveglio delle coscienze e di un ammirevole senso civico. I Vescovi della Chiesa che è in Campania, nel rinnovare la più ferma condanna del tanto male provocato dalle forze del malaffare, esprimono profondi sentimenti di vicinanza e di sostegno alle tante famiglie colpite dalla incredibile tragedia provocata a una parte del territorio regionale e auspicano che il percorso avviato dalle Istituzioni pubbliche possa proseguire rapidamente ed efficacemente, affinché torni serenità nelle comunità coinvolte”.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login