Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Vesc. Agostinelli: grazie per Oratori estivi

Edizione del: 16 luglio 2013

Gli Oratori estivi parrocchiali stanno andando a conclusione e il Vescovo di Prato Franco Agostinelli, ha voluto ringraziare tutti coloro che dal mese di giugno si sono impegnati, nella sua nuova diocesi, in questa importante esperienza educativa.

“Grazie ai parroci e agli animatori per quanto stanno facendo per i nostri ragazzi”.

“Il Grest è un aspetto della Chiesa di Prato che ho trovato molto vivo e che mi ha sorpreso – afferma il Vescovo Agostinelli, che sta vivendo la prima estate da Vescovo a Prato –, mi ha fatto piacere sapere che quest’anno oltre 3mila bambini e ragazzi hanno frequentato i 35 Oratori pratesi. Questo grazie all’impegno di 800 animatori che hanno deciso di dedicare un po’ del loro tempo agli altri”.

In queste settimane il Presule ha visitato personalmente alcuni Oratori, incontrando i responsabili e fermandosi a pranzo con i bambini.

In particolare Mons. Agostinelli è rimasto molto colpito “dalla dedizione e l’impegno profuso nel condurre la gestione dei Grest. Ho apprezzato – dice il Vescovo – il coinvolgimento pieno degli animatori. Mi sono piaciuti anche vari momenti di una giornata tipo: la preghiera, le riflessioni, il gioco e anche il fatto che si dia importanza allo studio”.

Insieme ai ringraziamenti ci sono anche alcune indicazioni per il prossimo anno.

“Penso che ogni comunità parrocchiale debba offrire ai propri bambini e ragazzi questa opportunità di crescita», sostiene Agostinelli, mi rendo conto che non tutti, per vari motivi, sono in grado di organizzare l’Oratorio. Chiedo a loro di associarsi con altre parrocchie vicine, della stessa zona o vicaria. Già ci sono esperienze simili. Questo dunque l’auspicio per chi deve iniziare, poi c’è l’invito per chi già lo fa”.

L’invito è anche quello di proseguire con l’Oratorio tutto l’anno, non solo nei mesi estivi.

Infine una indicazione ai tanti giovani che con passione si dedicano all’educazione dei più piccoli.

“Alla base della formazione degli animatori ci deve essere una formazione Cristiana e spirituale”, tiene a precisare il Vescovo, “ma questa, per stare con i ragazzi, pur se necessaria, non basta. Occorre una certa esperienza nella conduzione e nella gestione di un gruppo, sapere tecniche di animazione e avere competenze dal punto di vista sanitario. Per questo ho già idea di chiedere alla Misericordia di fare un corso ad hoc per i nostri animatori, in modo che essi sappiano come comportarsi in caso di emergenza”.

You must be logged in to post a comment Login