Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Vaticano: Seconda Predica d’Avvento

Edizione del: 19 dicembre 2013

L’umiltà di San Francesco d’Assisi è stato al centro della seconda Predica d’Avvento, nella Cappella Redemptoris Mater in Vaticano, per il Papa e la Curia Romana.

A tenerla, il Predicatore della Casa Pontificia, Padre Raniero Cantalamessa.

“Verità davanti a Dio” ed “esempio di Cristo”, queste le 2 fonti d’illuminazione dell’umiltà di San Francesco d’Assisi, nella riflessione offerta da Padre Cantalamessa.

Oggi, ha detto il Predicatore della Casa Pontificia, tutto il mondo “corre dietro a Francesco”.

“Il mondo va dietro a Francesco, perché vede realizzati in lui quei valori ai quali ognuno anela: la libertà, la pace, la pace con se stessi e con il Creato, la fratellanza e la gioia. Noi, però, parleremo di una dote di Francesco alla quale il mondo non aspira affatto, sono pochissimi quelli che vi aspirano, ma che è invece la radice di tutti quei valori che abbiamo nominato: è l’umiltà”.

Una umiltà che va compresa guardando all’esempio di Maria, che aveva la virtù dell’umiltà – “e in grado sommo”, ha detto il Frate Cappuccino – ma non lo sapeva.

E questo è il pregio dell’umiltà: “è un profumo che non sente chi lo emana, ma chi lo riceve”, ha aggiunto.

Nel caso di San Francesco, “siamo davanti all’umiltà essenziale, quella della creatura che prende coscienza di sé al cospetto di Dio”.

“Finché la persona si commisura con se stessa o con gli altri o con la società, non si conosce mai: le manca la misura esatta. Francesco ha posseduto esattamente questo tipo di umiltà teologica. Diceva: Quello che un uomo è davanti a Dio, quello è e niente più”.

Essere umile, ha spiegato Padre Cantalamessa, “è guardare Dio prima che se stessi”.

Ciò che colpisce San Francesco è l’umiltà di Dio: “Francesco ha colto una verità profondissima su Dio, che dovrebbe riempire di stupore, venerabili Padri e fratelli – anche noi: Dio è umiltà, perché è amore”.

L’amore per sua natura, ha riflettuto il Predicatore della Casa Pontificia, crea “dipendenza e la dipendenza è umiltà: per questo – ha aggiunto – Dio è umiltà, perché è amore”.

“La manifestazione visibile dell’umiltà di Dio si ha contemplando Cristo, che si mette in ginocchio davanti ai suoi discepoli, per lavare loro i piedi. E possiamo immaginare anche che erano piedi sporchi! E si ha ancora di più quando, ridotto alla radicale impotenza sulla Croce, continua ad amare, senza mai condannare”.

“Francesco ha colto il nesso tra l’umiltà di Dio e l’incarnazione. Scopriamo così, ha proseguito, che l’umiltà “non consiste principalmente nell’essere ‘piccoli’, perché si può essere ‘piccoli’ senza essere umili”.

“E’ nel farsi piccoli e non per qualche necessità ma per amore, per innalzare gli altri”.

Così ha fatto Gesù, che “si è fatto umile, come si è fatto carne”, ha spiegato Padre Cantalamessa.

Un volto nuovo dell’umiltà, dunque, che si riassume con una parola: “servizio”.

Per diventare “il primo”, bisogna “farsi ultimo”, ha ricordato il Predicatore, aggiungendo che “se Dio è umiltà anche la Chiesa deve essere umiltà, se Cristo ha servito, anche la Chiesa deve servire, per amore”.

“Per troppo tempo io credo che la Chiesa, nel suo insieme, abbia mostrato al mondo la verità di Cristo, ma non abbastanza e altrettanto chiaramente l’umiltà di Cristo”.

E’ con essa, l’umiltà di Cristo, “che – ha concluso – si placano le ostilità, si smontano i pregiudizi e si apre la via all’accoglimento del Vangelo”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login