Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Vaticano: no uso droni militari

Edizione del: 9 dicembre 2013

L’Arcivescovo Silvano Maria Tomasi, Osservatore Permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite a Ginevra, ha sollecitato la Comunità Internazionale a ragionare “sull’incapacità dei sistemi tecnici automatici preprogrammati di dare giudizi morali su vita e morte, di rispettare i diritti umani e di osservare il principio di umanità”.

“Quando un drone armato viene pilotato a migliaia di miglia di distanza, chi ha la responsabilità delle violazioni umanitarie compiute attraverso il suo utilizzo?”

E “quando informazioni vitali relative all’uso di droni armati vengono sottratte alla verifica, come si può appurare la conformità con il Diritto Internazionale, il Diritto Umanitario Internazionale e gli standard etici?”.

Sono quesiti proposti dalla Santa Sede alla riflessione degli Stati partecipanti all’incontro annuale dei Paesi firmatari della Convenzione per interdire o limitare l’uso di armi dagli effetti traumatici eccessivi o indiscriminati, come i droni armati.

Inoltre, “la mancanza di rischi militari e la presunta precisione dei droni armati” potrebbero indurre “a compiere attacchi” più rischiosi per i civili. Sono dunque fondamentali “una maggiore trasparenza e una responsabilità più chiara nel loro uso”.

S’impone inoltre di preparare gli operatori remoti di sistemi robotici e di garantire loro il “tempo necessario per riflettere” su “decisione” da prendere davanti a uno schermo “che riguardano la vita e la morte”.

Quasi il 30% dei piloti di droni sperimenta infatti “crisi esistenziali”.

Chiediamoci infine, ha detto Monsignor Tomasi, se “questo contesto di guerra disumanizzata” può rendere “più attraente entrare in guerra”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login