Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Vaticano: arrivati albero e presepe

Edizione del: 8 dicembre 2013

Un Presepe napoletano, opera della bottega “Cantone & Costabile”, eredi e continuatori della tradizione dei Presepi famosi in tutta Europa a partire dal XVII secolo, adornerà quest’anno Piazza San Pietro.

La bottega ha offerto il complesso artistico dal titolo “Francesco 1223 – Francesco 2013” al Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli, che a sua volta ha deciso di omaggiare Papa Francesco.

Con sullo sfondo il paesaggio della Campania, 16 pastori, vestiti con abiti tipici del settecento napoletano, faranno da cornice alla scena della nascita del Bambino Gesù.

I Maestri Cantone e Costabile hanno preservato l’espressività dei volti, anche se hanno elevato l’altezza dei pastori passando da 30 centimetri a 2 metri.

I personaggi, se da un lato simbolizzano tutte le classi sociali, dall’altro raffigureranno anche le fasi della crescita, partendo dal bambino e arrivando fino all’anziano.

Accanto ad uno zampognaro con un uomo che suona la ciaramella, troviamo i Re Magi, due rustici, un nobile orientale, un povero, una bambina nobile accompagnata da una giovane e un bambino rustico.

Le statue hanno la testa, le mani e i piedi di terracotta policroma e gli occhi in cristallo.

Il Presepe sarà realizzato grazie al sostegno di alcuni benefattori, limitando al massimo i costi a carico del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano.

Ieri l’altro intanto è arrivato in Piazza San Pietro un grande abete proveniente quest’anno dalla Baviera, Germania, donato dalla comunità di Waldmünchen.

L’albero è alto 25 metri e il diametro alla base è di 98 centimetri.

Come consuetudine le maestranze del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano forniranno tutto il supporto necessario agli allestimenti, oltre che al posizionamento, decorazione ed illuminazione.

Dopo lo smantellamento il legno del tronco, come avviene da alcuni anni, verrà utilizzato per realizzare piccoli oggetti di uso quotidiano e giocattoli.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login