Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Vaticano: acceso albero di Natale

Edizione del: 14 dicembre 2013

L’albero di Natale di Piazza San Pietro, arrivato lo scorso 5 dicembre, è stato illuminato ieri pomeriggio appena fatto buio.

Dopo il 1984 quest’anno è stata la prima volta che l’albero proviene dalla Germania, dal comune di Waldmunchen nell’Alto Palatinato.

Per l’occasione è arrivata a Roma una numerosa Delegazione della regione di Waldmunchen, sotto la guida del Vescovo diocesano Mons. Rudolf Voderholzer di Ratisbona.

 Un abete “internazionale”, è stato definito dal Santo Padre l’albero di Natale, cresciuto vicino al confine tra la Germania e la Repubblica Ceca, che adornerà Piazza San Pietro durante le festività natalizie.

Ricevendo la comunità della città bavarese di Waldmünchen, che dista 18 chilometri dl confine con la Repubblica Ceca,  il Santo Padre ha ricordato la “vicinanza spirituale e l’amicizia che legano la Germania tutta, e in particolare la Baviera, alla Santa Sede, nel solco della tradizione cristiana che ha fecondato la cultura, la letteratura e l’arte della vostra Nazione e dell’Europa intera”.

L’albero sarà ammirato dai romani e da pellegrini e turisti di ogni parte del mondo che si recano in Piazza San Pietro a Natale quando “riecheggia in ogni luogo il lieto annuncio dell’angelo ai pastori di Betlemme” che “furono avvolti da una grande luce”.

“Anche oggi Gesù – ha detto Papa Francesco – continua a dissipare le tenebre dell’errore e del peccato, per recare all’umanità la gioia della sfolgorante luce divina, di cui l’albero natalizio è segno e richiamo. Lasciamoci avvolgere dalla luce della sua verità perché ‘la gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù’”.

L’abete, alto 25 metri, ha un diametro alla base di 98 cm e un peso di 7,2 tonnellate ed è stato issato con un grande braccio meccanico.

Dopo lo smantellamento, il legno del tronco, come avviene da alcuni anni, verrà utilizzato per realizzare piccoli oggetti di uso quotidiano e giocattoli.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login