Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Vaticano: 275 milioni ai poveri

Edizione del: 11 luglio 2013

Entrate e uscite per circa 275 milioni di euro, con un saldo leggermente positivo: a tanto ammontano – nei bilanci consolidati 2012 presentati nei giorni scorsi ai 15 Cardinali e pubblicati sul sito della Prefettura degli Affari Economici – i movimenti di denaro relativi alle attività caritative che fanno capo alla Santa Sede.

“Una realtà molto grande, che comprende ad esempio le Pontificie Opere Missionarie, l’Obolo di San Pietro, la Caritas Internationalis, l’Elemosineria Apostolica, la Fondazione ‘Aiuto alla Chiesa che Soffre’ e la ROACO, Riunione Opere Aiuto Chiese Orientali”.

“E’ interessante osservare che un tale volume di attività economica è di per sé superiore a quello dello stesso Stato della Città del Vaticano, 261 milioni di entrate, o a quello dell’intera Curia, 250 milioni di entrate. Si tratta, cioè di oltre 275 milioni di euro che vengono ricevuti e successivamente distribuiti per attività caritative. Ed è importante notare come il 98 per cento delle entrate nel settore della carità derivano dalle donazioni dei fedeli e il 92 per cento delle uscite è destinato alla distribuzione delle stesse donazioni per le finalità a cui sono destinate”.

“Ciò vuol dire che il denaro che entra, esce effettivamente per le attività a sostegno di chi soffre o è in difficoltà e solo in piccolissima parte viene destinato al personale e all’Organizzazione, a differenza di quanto avviene in molte altre Istituzioni”.

Nei bilanci consuntivi consolidati della Santa Sede per l’anno 2012 accanto alle attività che fanno capo al Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e dall’altra quelle che fanno capo alla Curia Romana, Congregazioni, Pontifici Consigli, Rappresentanze Pontificie, Attività di comunicazione sociale, sono elencate inoltre attività che possono essere definite Pastorali, come le Basiliche Maggiori, i Santuari che dipendono dalla Santa Sede, le parrocchie Pontificie, i Penitenzieri e altre Istituzioni Minori.

Una voce che presenta complessivamente entrate e uscite per oltre 70 milioni di Euro, con un risultato anch’esso leggermente positivo.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login