Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

USA: Vescovi a Governo su Siria

Edizione del: 6 settembre 2013

La Conferenza Episcopale degli Stati Uniti si sta mobilitando in queste ore con forza contro l’azione militare in Siria.

In un nuovo appello l’Organismo dei Vescovi sollecita i Cattolici a mettersi in contatto con i loro Rappresentanti di riferimento al Congresso chiedendo loro di votare contro “la risoluzione che intende autorizzare l’uso della forza militare in Siria” in risposta “all’atroce attacco con armi chimiche” condotto “su civili innocenti” e di appoggiare invece un’azione condotta dagli Stati Uniti, in collaborazione con la Comunità Internazionale, “per un immediato cessate il fuoco in Siria e per autentici e inclusivi negoziati di pace”.

I Vescovi hanno deciso di mobilitare i fedeli attraverso un Action Alert, una chiamata all’azione, nella quale si sottolinea come “tanto la Santa Sede quanto la Conferenza Episcopale hanno condannato gli attacchi chimici ma rimangono convinti che solo il dialogo può salvare delle vite e portare la pace in Siria”.

Già venerdì 30 agosto, in una lettera indirizzata al Segretario di Stato americano John Kerry, il Vescovo Richard E. Pates, Presidente della Commissione Episcopale Giustizia e Pace, aveva affermato che “la strada del dialogo e del negoziato fra tutte le componenti della società siriana, con l’appoggio della Comunità Internazionale, è la sola opzione che possa condurre alla fine del conflitto”.

Il contenuto della lettera inviata al Segretario di Stato viene ora rilanciato attraverso una dichiarazione che porta la firma, oltre che dello stesso Vescovo Pates, del Cardinale Timothy Dolan, Presidente della Conferenza Episcopale degli Stati Uniti: “Siamo angustiati – si legge nel documento – dalla terribile sofferenza del popolo siriano e affermiamo di nuovo la necessità del dialogo e del negoziato al fine di risolvere questo conflitto che ha prodotto così tanta devastazione”.

“Dal momento – si legge ancora – che i nostri Leader nazionali stanno valutando un’azione militare, è particolarmente opportuno e urgente che noi, negli Stati Uniti, aderiamo all’appello del Santo Padre per la preghiera e il digiuno il 7 settembre al fine di una pacifica soluzione del conflitto in Siria e per la fine ovunque di ogni violento conflitto”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login