Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Ultimo dell’anno non ballando ma pregando

Edizione del: 31 dicembre 2013

Far festa a Capodanno non significa solo prender parte a cenoni o passare l’ultimo dell’anno in attesa della mezzanotte nelle discoteche fino alle prime luci dell’alba.

C’è anche chi lo passa in maniera alternativa, a volte proseguendo quella che è una consolidata tradizione, ovvero ritirandosi a pregare, assieme ad altre persone, in parrocchia o meglio ancora in Monasteri e Conventi.

 “Il primo anno in cui abbiamo proposto questa iniziativa –  dice Suor Maria Amata, Clarissa, – ci siamo trovati non molto numerosi. Tuttavia, già l’anno seguente, il numero era salito in modo consistente. Si erano aggiunte molte famiglie e dunque anche quest’anno alla Veglia di Preghiera che già proponiamo alla Vigilia di Natale, più conosciuta e frequentata, proporremo a quanti lo vorranno questo modo un po’ diverso, ma neppure troppo strano di concludere l’anno ed iniziare quello nuovo: affidarlo al Signore, Lui che è il Signore del tempo e della storia. Per circa un’oretta si pregherà con i Salmi attendendo la fine dell’anno, poi verso le 24 in punto canteremo solennemente il Gloria  e daremo così inizio alla celebrazione della S. Messa. L’invito è rivolto a tutti: giovani, famiglie, anziani. Al termine della celebrazione eucaristica un momento di rinfresco e di condivisione”.

L’appuntamento di cui ci ha raccontato Suor Maria è uno dei tanti che si tengono in tutta Italia, come nel resto del mondo.

Si, perché molte Comunità si raccolgono in preghiera nell’ultimo giorno dell’anno,  e non solo al Vespro per cantare il tradizionale Te Deum di Ringraziamento, ma per fare memoria davanti a Dio degli avvenimenti, delle persone, e per affidare alla sua protezione l’Anno nuovo che sta per incominciare.

Una risposta positiva ai tanti morti e feriti per fuochi d’artificio o per incidenti dovuti al troppo bere o alla droga.

Franco Mariani


Autore: 

Franco Mariani, direttore di News Cattoliche, classe 1964, giornalista, ha cominciato ad occuparsi di giornalismo nel 1978, a 14 anni, l’anno dei tre Papi, scrivendo per alcuni settimanali cattolici, passando poi a quotidiani, televisioni, radio e web. E’ giornalista Vaticanista, critico cinematografico ed esperto dell’Alluvione di Firenze del 1966 e dello Zecchino d’Oro. Ha frequentato la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze. In seno al Sindacato unitario dei giornalisti ha ricoperto vari incarichi regionali e nazionali. E’ direttore di varie testate e ha pubblicato diversi libri sulla storia del papato e di Firenze. E’ Cavaliere di Merito dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio.

You must be logged in to post a comment Login