Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Torna la Clericus Cup, il campionato di calcio del Vaticano

Edizione del: 9 marzo 2014

Clericus Cup“Il mio capitano è Papa Francesco”, Con questa scritta sulle magliette, scenderanno in campo gli atleti, preti e seminaristi, della Clericus Cup.

L’ottava edizione del mondiale calcistico Pontificio, promosso dal Centro Sportivo Italiano, in collaborazione con l’Ufficio sport della Cei e con il Pontificio Consiglio della Cultura, è stato presentato presso l’Auditorium Minor del Centro Congressi Agostiniano, a due passi dal Vaticano.

“Nell’anno in cui il Csi festeggia il 70mo anniversario dalla sua fondazione che sarà celebrato proprio in piazza San Pietro il 7 giugno, quando Papa Francesco incontrerà le Società sportive di tutta Italia in una grande festa dello sport, oltre che a un richiamo celebrativo del 70ennio, su ciascuna maglia dei preti calciatori ci sarà una scritta inneggiante al Santo Padre”.

“Il compito di un capitano – spiega don Alessio Albertini, commentando la scritta sulle magliette – è quello di trascinare la squadra, di essere punto di riferimento nei momenti più difficili, di dare coraggio ai giocatori più sfiduciati, di essere uomo simbolo… chi meglio di Papa Francesco incarna oggi questa figura nel campo grande come il mondo?”.

“È importante riallacciare i legami che hanno vincolato tradizionalmente lo sport agli Istituti di formazione sacerdotale - ha detto il Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, sostenitore del torneo – urge recuperare la dimensione profondamente educativa dello sport, come strumento di conoscenza di sé, di apertura all’altro, di superamento dei limiti e come luogo della scoperta di Dio”.

Anche don Mario Lusek, Direttore dell’Ufficio Cei per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport, saluta la nuova edizione del torneo, che è ormai entrato nella tradizione “romana”.

“La figura vera del ‘don’ – dice Lusek – è quella di colui che ‘scende in campo’ nella partita educativa utilizzando anche la pratica sportiva nell’educazione ai valori. Lo vediamo così coinvolto sia nella performance sportiva che nel gioco della vita”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login