Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Terra Santa: il 60mo dell’Opera di San Giacomo

Edizione del: 3 ottobre 2015

abu goshProseguono in Israele gli incontri di riflessione e le celebrazioni liturgiche programmati per i 60 anni della fondazione dell’Opera di San Giacomo, nata nel 1954 in seguito alla creazione dello Stato di Israele, per la cura pastorale dei Cristiani che vivevano in seno ad un popolo in maggioranza Ebraica.

Sabato scorso – riferisce il Patriarcato Latino di Gerusalemme – fedeli delle diverse qehillot, comunità parrocchiali, di Israele si sono riuniti presso il Santuario della Madonna dell’Arca dell’Alleanza, sulle alture di Abu Gosh, per celebrare una Messa di Ringraziamento.

Durante la celebrazione liturgica, animata con canti in lingua Ebraica, il Nunzio Apostolico in Israele e Delegato Apostolico a Gerusalemme e in Palestina, l’Arcivescovo Mons. Giuseppe Lazzarotto, ha reso omaggio a quella che durante l’omelia ha definito una “forte comunità”, capace di affrontare le sfide che le si pongono davanti e radicata nella Chiesa di Terra Santa.

Il Nunzio ha anche invitato le qehillot ad essere ponte tra Ebrei e Cristiani, e ha ricordato l’appello dei “discepoli di Cristo di lingua Ebraica ed araba a dimostrare che la giustizia, la pace e l’uguaglianza sono possibili nel nostro paese”.

Nel 1954, grazia anche all’Opera San Giacomo, i Cattolici che vivevano in ambiente Ebraico, i membri Cristiani di famiglie Ebree, “Giusti tra le Nazioni…”, hanno cominciato a riunirsi per celebrare la Messa insieme.

Attualmente le qehillot sono anche luogo di educazione per i bambini Cristiani appartenenti a famiglie di immigrati provenienti da Asia, Africa o Sud America che seguono il catechismo in Ebraico e partecipano alle varie attività organizzate nella comunità.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login