Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Tedeschi soddisfatti decisione Papa Vescovo Limburg

Edizione del: 25 ottobre 2013

Soddisfazione fra i cattolici tedeschi per la sospensione inflitta dal Vaticano al Vescovo di Limburg, Monsignor Franz-Peter Tebartz-van Elst, accusato di essere un amante del lusso.

“La decisione di papa Francesco offre l’occasione di un rinnovamento a Limburg, dove la situazione nelle ultime settimane era diventata pesante tanto per i credenti della base quanto per tutta la Chiesa cattolica tedesca”, ha commentato il Presidente del Comitato dei Cattolici Tedeschi, Alois Gluck.

Il prelato è al centro di una polemica sui costi della nuova casa diocesana di Limburg, saliti dai 5,5 milioni di euro previsti a 31 milioni di euro.

Secondo i media tedeschi, monsignor Tebartz-van Elst avrebbe speso la bellezza di 2,9 milioni di euro per il suo appartamento, con una sala da pranzo di 63 metri quadrati e un bagno da 15 mila euro.

Il Vescovo spendaccione tiene duro, ma neppure la Santa Sede molla la presa sull’inchiesta.

Sembra essere questa la sintesi della dichiarazione con cui la Santa Sede ha due giorni fa il punto sul  Vescovo spendaccione.

Papa Francesco ha infatti deciso di allontanare il Vescovo per un periodo di riflessione lontano dalla diocesi, nominando il Vicario Generale  amministratore, nomina che sarebbe dovuto scattare dal prossimo 1 gennaio.

Nulla si può dire al momento sul futuro, ma certo non appare così facile e il rientro in ruolo del Vescovo a conclusione della inchiesta amministrativa.

Mons. Tebartz van Elst é stato ricevuto da Papa Francesco lo scorso 21 ottobre

Papa Francesco é “continuamente informato ampiamente e obiettivamente” sul caso, tanto che ha deciso l’allontanamento, per il momento temporaneo, del Vescovo.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login