Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Spagna: cresce sostegno alla Chiesa

Edizione del: 7 marzo 2014

José María Gil TamayoIl numero di contribuenti spagnoli che hanno scelto di destinare alla Chiesa Cattolica il 7 per mille del loro reddito imponibile ha registrato l’anno scorso un lievissimo aumento rispetto all’anno precedente.

A presentare, i dati sono stati il Segretario Generale e Portavoce della Conferenza Episcopale Spagnola, Cee, José María Gil Tamayo, e il vice-Segretario Generale per gli Affari Economici della Cee, Fernando Giménez Barriocanal.

Secondo i dati resi noti dalla Conferenza Episcopale Spagnola, si è passati dal 34,83% al 34,87% di quest’anno.

In cifre assolute sono stati 7.339.102 i contribuenti che hanno scelto di destinare la quota del 7 per mille dei loro redditi alla Chiesa con un introito complessivo di 249 milioni di euro, quasi 2 milioni in più rispetto all’anno precedente.

Dato che 1 dichiarazione su 5 è congiunta, si può stimare che circa 9 milioni di persone abbiano scelto la Chiesa Cattolica, circa 900mila in più del 2006.

Gil Tamayo ha sottolineato che le persone che destinano soldi alla Chiesa contribuiscono alla costruzione sociale e ai fini della Chiesa, “che sono fondamentalmente spirituali ed evangelizzatori”.

Ha anche ringraziato “a nome dei tanti che hanno bisogno di tanto” e che sono aiutati con i soldi dati alla Chiesa e ha espresso soddisfazione per l’aumento percentuale delle assegnazioni alla Chiesa, malgrado la diminuzione del numero delle dichiarazioni dei redditi presentate come conseguenza della crisi.

Infatti, i dati mostrano come la crisi continui a colpire il sistema, giacché la Chiesa percepirà 3,6 milioni di euro in meno rispetto a 4 anni fa, malgrado disponga di 150mila dichiarazioni in più con destinazione alla Chiesa.

La Cee ha presentato quest’anno, oltre ai risultati globali della campagna per la dichiarazione dei redditi in Spagna, anche quelli per l’assegnazione tributaria dalle Comunità autonome.

Madrid, Andalusia e Catalogna sono le Comunità che portano più risorse al sistema.

Castilla La Mancha, Murcia ed Extremadura sono le Comunità che storicamente più marcano la casella a favore della Chiesa.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login