Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Spacca su Convegno Ecclesiale Marche

Edizione del: 23 novembre 2013

Il Presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, nel partecipare alla presentazione del II Convegno Ecclesiale marchigiano che si è aperto ieri, e che si dividerà tra  Ancona e Loreto, ha auspicato che “dal Convegno Ecclesiale, possono uscire spunti utili per le Istituzioni, per la società marchigiana, e proposta da un Osservatorio privilegiato che dispiega una rete capillare di servizi e di conoscenze sul territorio”.

“Gli spunti e le indicazioni che verranno dai lavori del Convegno saranno particolarmente importanti in questa difficile fase economica e sociale che anche le Marche stanno vivendo – ha ribadito il Presidente – il Paese affronta il quarto anno di recessione. Una crisi che non è solo economica, ma anche di conoscenza e di specializzazioni tecniche. Quelle conoscenze che hanno caratterizzato lo sviluppo delle Marche. E’ necessario recuperare questo patrimonio che ha fatto la forza della regione: dal Convegno verranno utili analisi e indicazioni per avviare un nuovo percorso di crescita”.

L’Arcivescovo Luigi Conti, Presidente della Cem, Conferenza Episcopale Marchigiana, ha evidenziato le sinergie che sono state avviate con la Regione e che hanno prodotto protocolli di collaborazione significativi, come nel campo degli Oratori, in 5 anni sono state avviate 320 strutture a livello parrocchiale, e dei Beni Culturali.

“Il clima di collaborazione con le 13 diocesi marchigiane e le 824 parrocchie è evidente – ha detto – Siamo un orecchio attento a cosa accade sul territorio, dove registriamo tutti gli effetti della crisi economica in atto, con una divaricazione sempre più marcata tra ricchezze e povertà”.

Mons. Conti ha suggerito 3 aspetti salienti che caratterizzeranno il II Convegno Ecclesiale, a distanza di 20 anni dal primo “forte comunione ecclesiale che si è creata tra la nuova generazione dei Vescovi che si sono insediata alla fine degli anni ‘90; superamento del clericalismo con una forte presenza di un laicato culturalmente formato; maggiore collaborazione con le Istituzioni regionali per la risoluzione di problemi sociali”.

Nel corso della presentazione dell’evento ai giornalisti è stato presentato il volume “I Santi delle Marche”, edito dalla Jaca Book, su iniziativa comune tra Regione e Cem.

“Il libro accompagna il percorso del Convegno e dà testimonianza di quanto la fede ha prodotto nella società, sia sotto l’aspetto della bellezza di vita che di crescita artistica – ha spiegato il Vescovo Claudio Giuliodori, Coordinatore del II Convegno, – è un libro di grande prestigio culturale e di elevato valore spirituale: una straordinaria carta di identità delle Marche”.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login