Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

South Sumatra: Islamisti bloccano costruzione chiesa

Edizione del: 8 marzo 2014

INDONESIACentinaia di persone armate, guidate dai Leader Islamici di Jakarta, hanno assaltato e occupato con la forza un appezzamento di terra di proprietà della comunità Cristiana indonesiana Huria Batak Kristen Protestan, Hkbp.

Il fatto è avvenuto nel villaggio di Talang Kelapa, situato nel sotto-distretto di Alang-alang Lebar, nella reggenza di Palembang, provincia di South Sumatra.

Dietro il raid vi sarebbe il tentativo dei fedeli di edificare un luogo di culto; il 17 febbraio scorso si è infatti tenuta la cerimonia della posa della prima pietra, fra le proteste degli abitanti della zona.

Una decisione che ha creato malumore e scontento fra i Musulmani, che hanno organizzato un’operazione di forza per occupare i terreni – 2 ettari in tutto – e inviare un duro messaggio ai vertici della Hkbp: non sono ammesse chiese nella zona.

L’iter per la costruzione di una chiesa in Indonesia – Cattolica o Protestante – è complicato e possono trascorrere da 5 a 10 anni prima di ottenere tutte le autorizzazioni.

Il procedimento è regolato dall’Izin Mendirikan Bangunan, Imb, delibera scritta che permette l’apertura di un cantiere ed è rilasciato dalle Autorità locali.

La vicenda si complica se si tratta di un luogo di culto Cristiano: serve infatti il nulla osta di un certo numero di residenti e del Gruppo per il Dialogo Interreligioso.

Spesso subentrano “non meglio precisate motivazioni” che spingono i Funzionari a bloccare i progetti, dietro pressioni di Movimenti Radicali Islamici.

Dal 2011 la comunità Cristiana ha avviato le procedure per ottenere i permessi necessari, senza alcun risultato concreto.

Peraltro la mancanza dell’Imb fornisce un appiglio legale alla maggioranza Musulmana, che può far valere inadempienze e irregolarità nelle procedure per bloccare la costruzione e occupare con la forza i terreni.

Junaidi Alhafidz, Leader Islamico locale e a capo della folla, sottolinea che dietro il blitz vi è “la mancanza dell’Imb da parte dei Vertici della Hkbp” a riprova del fatto che “le Autorità di Palembang non hanno ancora rilasciato i permessi”.

Egli ribadisce la propria contrarietà “alla costruzione di una chiesa”.

Per il Capo Islamico mancano sia le firme di 60 residente della zona, sia il numero minimo di fedeli Cristiani, 90, necessari per ottenere il via libera alla realizzazione dell’edificio.

Una conferma arriva dal Capo del sotto-Distretto Sulaiman Amien, secondo cui la comunità Protestante locale “non ha ancora ottenuto i permessi”.

E’ intervenuto anche il Ministero per gli Affari Religiosi di Palembang, che ha intimato alla Hkbp di “interrompere” il progetto, sino al completamento di tutte le procedure legali.

L’Indonesia, nazione Musulmana più popolosa al mondo, è sempre più spesso teatro di attacchi o episodi di intolleranza contro le Minoranze, siano essi Cristiani, Musulmani Ahmadi o di altre fedi.

Nel dicembre scorso, almeno 5 luoghi di culto Cristiani hanno dovuto chiudere i battenti a causa delle pressioni esercitate dagli Islamisti.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login