Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Rotoli di Marega: accordo Giappone-Vaticano

Edizione del: 1 febbraio 2014

L’Ambasciatore nipponico presso la Santa Sede, Teruaki Nagasaki, commentando  l’accordo fra la Biblioteca Vaticana e il Governo giapponese per tradurre e catalogare i Rotoli di Marega ha evidenziato che “è importantissimo non solo dal punto di vista dei Cattolici, ma anche da un punto di vista storico. Sono molto felice di questa decisione: penso che in Giappone ci siano molti Ricercatori che aspettano questi testi per gettare una luce migliore su quel periodo. E ovviamente è molto bello che sia nata questa collaborazione”.

I Rotoli di Marega sono una raccolta di circa 10mila documenti, che descrivono la presenza e la persecuzione della comunità Cattolica in Giappone.

Coprono un periodo temporale che va dal 17mo al 19mo secolo, e furono portati in Vaticano dal Missionario italiano Mario Marega negli anni ‘40 del 20mo secolo.

Da allora sono rimasti negli archivi Vaticani fino al 2010, quando sono stati ritrovati dal Ricercatore Delio Proverbio.

I documenti sono scritti su carta di riso, talmente delicati che devono essere toccati solo con guanti speciali.

Mons. Cesare Pasini, Prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana, li ritiene “la più ampia collezione di documenti di questo tipo”.

L’accordo durerà 6 anni ed è stato stipulato fra la Biblioteca e 4 Istituti storici giapponesi.

Il primo dei testi è datato 1719, e parla dell’arrivo del Cristianesimo in Giappone nel 1549 grazie ai Missionari Gesuiti.

Per descrivere quanto si fosse diffusa la fede Cristiana nel Paese, in uno dei testi ritrovati si legge che 4 Nobili giapponesi si recarono a Roma nel 1585 per assistere all’elezione di Papa Sisto V.

Ovviamente una larghissima parte dei documenti parla della persecuzione ordinata dallo Shogunato contro la nuova comunità, e descrive nei particolari il martirio dei 26 Cristiani di Nagasaki che portò al bando del Cristianesimo nel 1612.

Proprio l’esempio dei Cristiani giapponesi è stato da poco ricordato da Papa Francesco, che durante l’Udienza Generale del 15 gennaio ha detto: “La storia della comunità Cristiana in Giappone è esemplare. Sentite bene: essa subì una dura persecuzione agli inizi del secolo XVII. Vi furono numerosi Martiri, i Membri del Clero furono espulsi e migliaia di fedeli furono uccisi. In Giappone non c’era più nessun prete, tutti sono stati espulsi. Allora la comunità si ritirò nella clandestinità, conservando la fede e la preghiera nel nascondimento, e quando nasceva un bambino, il papà e la mamma lo battezzavano, perché tutti noi possiamo battezzare. Quando, dopo circa 2 secoli e mezzo, i Missionari ritornarono in Giappone, migliaia di Cristiani uscirono allo scoperto e la Chiesa poté rifiorire. Erano sopravvissuti con la grazia del loro battesimo!”.

Per l’Ambasciatore Nagasaki, queste parole “sono molto belle e molto importanti. Siamo stati molto felici di sentire le parole del Papa sui Cristiani giapponesi! Tra l’altro, proprio l’anno prossimo festeggiamo i 150 anni della riemersione dei ‘Cristiani nascosti’, i ‘kakure kirishitan’ di cui parla Francesco. La comunità Cattolica e il Giappone in generale sarebbero molto felici di ricevere una visita del Papa, e questo anniversario è molto importante. Sappiamo che ha ricevuto tanti inviti, ma speriamo lo stesso in un suo viaggio in Giappone”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login