Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Rodotà: Cei e le regole democratiche

Edizione del: 5 giugno 2013

Il Prof. Stefano Rodotà parlando sabato sera al Festival dell’Economia a Trento, riprendendo un precedente intervento di Sergio Romano, ha affermato che la Cei può fare proposte ma deve accettare il confronto democratico.

“Quando la Cei manifesta il suo pensiero entra nell’agone democratico come tutti gli altri”, ha detto Rodotà.

Può dire “voglio siano sostituiti alcuni riferimenti costituzionali”: fa le sue proposte, le sottopone allo stesso l’iter democratico che ha accompagnato i principi, i valori e i diritti che sono nella Costituzione e solo dopo che quell’altro punto di vista è stato riconosciuto attraverso la procedura democratica, lo può indicare come qualcosa di “non negoziabile”, ha aggiunto Rodotà.

“Fino a quel momento l’opinione Cei ha lo stesso peso nel dibattito pubblico, non voglio dire, dell’opinione di una bocciofila perché per carità la religione ha un peso sociale e storico enorme, non dico questa bestialità, però è uno degli elementi che rientrano nella discussione democratica. Per cui poi quando qualcuno critica duramente quel punto di vista la Cei non puoi dire che è stato leso qualcosa. Ci deve stare dentro, ha accettato le regole del confronto”, ha concluso Rodotà.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login