Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Presentato Anno Vita Consacrata

Edizione del: 1 febbraio 2014

Il Cardinale João Braz de Aviz, Prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica e l’Arcivescovo José Rodríguez Carballo, O.F.M., Segretario della medesima Congregazione, hanno presentato in Vaticano ai giornalisti l’Anno dedicato alla Vita Consacrata, il 2015, che Papa Francesco ha convocato il 29 novembre scorso al termine dell’incontro con 120 Superiori Generali di Istituti maschili, accogliendo un suggerimento del Prefetto e del Segretario della Congregazione, dopo aver ascoltato tanti Consacrati.

“Prima di tutto ci teniamo a dire – ha detto il Cardinale Braz de Aviz – che questo Anno della Vita Consacrata è stato pensato nel contesto dei 50 anni del Concilio Vaticano II, e più in particolare nella ricorrenza dei 50 anni dalla pubblicazione del Decreto Conciliare ‘Perfectae caritatis’ sul rinnovamento della Vita Consacrata. Proprio perché riconosciamo in questi 50 anni che ci separano dal Concilio un momento di grazia per la Vita Consacrata, in quanto segnati dalla presenza dello Spirito che ci porta a vivere anche le debolezze e le infedeltà come esperienza della misericordia e dell’amore di Dio, vogliamo che questo Anno sia un’occasione per fare ‘memoria grata’ di questo recente passato. Ecco il primo obiettivo dell’Anno della Vita Consacrata”.

“Con lo sguardo positivo su questo tempo di grazia che va dal Concilio ad oggi, vogliamo – ed ecco il secondo obiettivo – ‘abbracciare il futuro con speranza’. Siamo ben coscienti che il momento presente è ‘delicato e faticoso’, e che la crisi che attraversa la società e la stessa Chiesa tocca pienamente la Vita Consacrata. Ma vogliamo assumere questa crisi non come l’anticamera della morte, ma come un’occasione favorevole per la crescita in profondità e, quindi, di speranza, motivata dalla certezza che la Vita Consacrata non potrà mai sparire nella Chiesa, poiché ‘è stata voluta dallo stesso Gesù come parte irremovibile della sua Chiesa”.

“Questa speranza – ha concluso il Cardinale Barz de Aviz – non ci risparmia, e di questo sono ben coscienti i Consacrati, di vivere il presente con passione – terzo obiettivo di questo Anno della Vita Consacrata” che “sarà un momento importante per ‘evangelizzare’ la propria vocazione e testimoniare la bellezza della ‘sequela Christi’ nelle molteplici forme in cui si esprime la nostra vita. I Consacrati raccolgono il testimone lasciato loro dai rispettivi Fondatori e Fondatrici. Spinti anche dal Papa Francesco, in questo Anno vogliono ‘svegliare il mondo’ con la loro testimonianza profetica, particolarmente con la loro presenza nelle periferie esistenziali della povertà e del pensiero, come il Papa Francesco ha chiesto ai Superiori Generali”.

L’Arcivescovo Rodríguez Carballo, ha illustrato le attività principali previste nell’Anno della Vita Consacrata che avrà inizio nell’ottobre 2014, in coincidenza con la pubblicazione della Costituzione Conciliare “Lumen Gentium”.

L’Anno della Vita Consacrata avrà inizio ufficialmente con una solenne concelebrazione nella Basilica di San Pietro, presieduta se possibile dal Santo Padre che potrebbe essere il giorno 21 novembre 2014, Giornata Mondiale “Pro orantibus”.

Seguirà, sempre in novembre, un’Assemblea Plenaria della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, sul tema: “Il novum nella Vita Consacrata a partire dal Vaticano”.

Sono in programma diversi incontri internazionali a Roma, tra i quali l’Incontro per giovani Religiosi e Religiose: novizi, Professi temporanei e Professi perpetui con meno di 10 anni di Professione; l’Incontro dei Formatori e Formatrici; un Congresso Internazionale di Teologia della Vita Consacrata, sul tema: “Rinnovamento della Vita Consacrata alla luce del Concilio e prospettive di futuro”; una Mostra internazionale su: “La Vita Consacrata Vangelo nella storia umana”.

“Per la conclusione dell’Anno della Vita Consacrata si pensa pure a una solenne concelebrazione presieduta dal Santo Padre che potrebbe essere, il giorno 21 novembre 2015 a 50 anni del Decreto “Perfectae caritatis”.

Per preparare questo Anno, il Dicastero si propone di pubblicare ogni 4 mesi una lettera circolare su temi che riguardano la Vita Consacrata.

La prima di queste lettere circolari uscirà con data 2 febbraio di quest’anno e sarà dedicata al Magistero del Papa Francesco sulla Vita Consacrata.

Avrà come titolo: “Rallegratevi”.

I giorni 8 e 9 marzo, rispondendo al desiderio del Santo Padre, presso l’Auditorium dell’Università “Antonianum” di Roma, si terrà un Symposium sulla gestione dei beni economici e patrimoniali da parte dei Religiosi.

“Anche per le Suore Contemplative proporremo alcune iniziative per l’Anno della Vita Consacrata nel rispetto della loro specifica forma di vita. Una di queste sarà una Catena mondiale di preghiera fra i Monasteri”.

L’Arcivescovo Rodríguez Carballo ha dato alcune informazioni su alcuni documenti che sta preparando il Dicastero.

“In stretta collaborazione con la Congregazione per i Vescovi, per mandato del Santo Padre, si stanno dando i primi passi per la revisione del documento ‘Mutuae relationes’ sui rapporti tra i Vescovi e i Religiosi nella Chiesa. Sempre per mandato del Santo Padre si procederà alla attualizzazione dell’istruzione ‘Verbi Sponsa’, che tratta dell’autonomia e della Clausura delle Suore interamente Contemplative. Un altro documento in preparazione è relativo alla vita e alla missione dei Religiosi Fratelli, ed un quarto documento riguarderà la gestione dei beni da parte dei Consacrati per offrire linee guida ed orientamenti da tener presenti di fronte alle situazioni complesse che si presentano in questo campo”.

Infine durante l’Anno della Vita Consacrata si attende dal Santo Padre una nuova Costituzione Apostolica sulla Vita Contemplativa al posto dell’attuale “Sponsa Christi” promulgata dal Papa PIo XII nel 1950.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login