Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Prato: Corpus Domini a Chinatown

Edizione del: 31 maggio 2013

Ieri sera il Vescovo di Prato Mons. Agostinelli parlando dal Pulpito di Donatello ai tanti pratesi, circa un migliaio, che hanno risposto al suo invito a partecipare alla Solennità del Corpo e Sangue di Cristo, ha detto che “il Corpus Domini non è una festa facile perché viene a misurare la nostra fede, viene a misurare la nostra capacità di essere testimoni oggi”.

Quella di quest’anno è stata una festa particolare, il percorso per arrivare in Duomo, dove il Presule ha impartito la Benedizione Eucaristica, non si è svolto, come sempre avvenuto, all’interno delle Mura del Centro Storico,ma ha preso il via dalla chiesa dell’Ascensione al Pino, dove si ritrova la Comunità Cattolica Cinese.

“Come ci ha chiesto Papa Francesco abbiamo voluto uscire per andare nelle periferie esistenziali dove la gente vive” ha detto il Vescovo al termine della Processione.

Mons. Agostinelli ha voluto ribadire il senso della scelta di passare dalle strade di China Town: “La nostra non voleva essere una ostentazione di forza, una sorta di provocazione, ma solo una proposta, quella di condividere con tutti, con chi crede, con i dubbiosi e gli indifferenti, l’incontro che ha cambiato la nostra vita. Per questo abbiamo deciso di passare là dove Gesù non è ancora conosciuto – ha sottolineato il Vescovo – là dove l’umanità soffre l’ingiustizia, la discriminazione, l’emarginazione dettata dalla razza, dalla cultura diversa, dalla difficoltà di capire ed essere capiti”.

Alla Processione hanno partecipato, insieme alla Comunità Ecclesiale, anche le Autorità cittadine.

Dietro i rispettivi gonfaloni hanno sfilato il Sindaco Roberto Cenni, insieme ad alcuni Rappresentanti della Giunta, e il Presidente della Provincia Lamberto Gestri.

Poi Mons. Agostinelli, prendendo spunto dal significato della festa, dedicata al Corpo di Cristo, ha ricordato come per i Cristiani “Eucaristia significhi comunicare alla vita il Signore”.

Il Presule ha fatto anche riferimento al Festival del Pane di Prato, promosso dal Comune con le Associazioni di Categoria, in programma sabato 8 e domenica 9 giugno.

“Festeggeremo il ‘Pane di Prato’ – ha detto il Vescovo – per noi il riferimento al pane non dovrà solo essere un momento di evasione ma memoriale perenne di pane condiviso, pane per tutti. Non lasciamoci prendere dalla ‘sindrome di Caino’ che ci porta a dire di non essere noi i custodi dei nostri fratelli. L’Eucaristia – ha esortato con forza – ci chiede di scendere tra le preoccupazioni della gente, di essere la voce della gente. Guadagnarsi il pane vuol dire da sempre un posto di lavoro”.

Mons. Agostinelli ha così voluto ribadire le due priorità per la città: la famiglia e il lavoro, definiti “due termini inscindibili”.

“La famiglia è il primo e principale presidio della vita, di energie morali e di tenuta sociale ed economica”, ha detto il Vescovo e poi si è rivolto direttamente alle Istituzioni: “Comprendiamo il vostro sforzo per rispondere alle esigenze legittime della gente, vi preghiamo di non fermarvi perché i poveri vi guardano con fiducia, ma attenzione, la loro pazienza può aver raggiunto il limite di guardia”.

Riguardo al tema del lavoro, Mons. Agostinelli ha ricordato le parole di Papa Francesco: “È elemento fondamentale per la dignità della persona e ci rende simili a Dio che ha lavorato e lavora per noi”.

Infine una parola per i sacerdoti, erano presenti in 50, cui ha chiesto di essere “capofila di un popolo in cammino, che affronta lotta, che condivide speranze e cerca in voi un riferimento per sentirsi confermati nelle decisioni che la vita cristiana e la vita concreta di tutti i giorni comportano”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login