Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Poste italiane: no francobollo Pio X

Edizione del: 6 gennaio 2014

Dal Vaticano è arrivato un sì, ma dal Governo italiano un inspiegabile no: tra i francobolli previsti per il 2014 dal Ministero dello Sviluppo Economico, cui compete la materia, non ci sarà quello dedicato a San Pio X in occasione del centenario della morte.

E il fatto ha lasciato l’amaro in bocca al Sindaco di Riese Pio X, Gianluigi Contarin.

“Ritengo doveroso che il Ministro Zanonato e la Consulta Filatelica ci spieghino questo rifiuto. È prevista l’emissione filatelica per la Canonizzazione di Papa Giovanni e Papa Wojtyla, persino una per il 1500mo anniversario dell’elezione di Papa Ormisda. Ma manca quella per Papa Sarto che, tra l’altro, sarebbe stato il primo francobollo italiano dedicato al Papa di Riese. Ora vogliamo un chiarimento, nella speranza che chi di dovere torni sulle sue decisioni”.

“Non abbiamo nulla contro le scelte fatte, ma possibile che nessuno in quel contesto si sia accorto di questo centenario? Non parliamo certo di una figura sconosciuta, visto che gli sono dedicate centinaia di piazze, vie, scuole, asili, centri parrocchiali”.

Il paradosso è che se la Consulta Filatelica italiana non ha considerato un francobollo per il centenario di Pio X, è invece arrivato il sì dal Vaticano, come conferma una lettera pervenuta al Circolo dei Collezionisti di Riese che aveva perorato la causa qualche mese fa.

“Vorrà dire che il prossimo anno affrancheremo la posta in partenza da Riese con il francobollo del Vaticano”, scherza, ma non troppo, il Sindaco, “battute a parte: mi auguro che si faccia marcia indietro e la Consulta decida di inserire anche una emissione per Papa Sarto, come ribadiremo al Ministro Zanonato, ricordandogli anche i profondi legami tra Pio X e la sua Padova”.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login