Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Patriarca Kirill visita Grecia

Edizione del: 7 giugno 2013

Accolto con gli onori di un Capo di Stato, è giunto sabato pomeriggio ad Atene il Patriarca Ortodosso di Mosca e di tutte le Russie Kirill primo per una “visita di pace”, come viene definita da parte russa, la prima da Patriarca di Kirill in Grecia, “che mira al rafforzamento dei rapporti tra le due Chiese Ortodosse”.

Durante la sua permanenza nella Capitale Ellenica, il Patriarca Russo è stato ricevuto lunedì dal Presidente della Repubblica Ellenica Karolos Papoulias, il quale gli ha conferito la Gran Croce d’Onore riservata a coloro che contribuiscono alla promozione della Grecia all’estero.

Inoltre l’alto Prelato ha incontrato il Primo Ministro Antonis Samaras, con il quale ha avuto un breve colloquio mentre in mattinata aveva fatto visita alla sede del Santo Sinodo Permanente della Chiesa di Grecia, dove ha incontrato l’Arcivescovo di Atene e di tutta la Grecia, Ieronymos.

I due Leader Religiosi puntano molto alla collaborazione tra le due Chiese nei settori dell’aiuto sociale e del turismo religioso, campi di cui avevano ampiamente discusso durante il viaggio di Ieronymos a Mosca un anno fa.

Ieronymos ha insignito il Patriarca Russo della più importante onorificenza della Chiesa Ortodossa di Grecia, la medaglia dell’Apostolo Paolo.

Il Governo di Atene, da parte sua, si aspetta molto da questa visita anche se ufficialmente sostiene trattarsi di una visita di carattere “puramente religioso”.

Osservatori politici locali vedono però in questa visita un evento religioso di straordinaria importanza, visti gli ottimi rapporti del Patriarca Russo con il Presidente Vladimir Putin e l’intera Leadership politica del Paese.

Secondo informazioni di stampa, il Patriarca di Mosca avrebbe consegnato al Premier greco un messaggio di Putin con riferimenti ad una collaborazione ancor più stretta tra i due Paesi mentre non si esclude che la parte greca consegnerà all’alto Prelato un invito ufficiale a Putin a visitare la Grecia.

Anche la parte russa attribuisce grande importanza alla visita del Patriarca, visto che al suo seguito vi sono circa 50 giornalisti e un numero notevole di industriali russi.

“Il viaggio del Patriarca Kirill in Grecia – ha detto il Responsabile del suo ufficio stampa, il Diacono Alexandr Volkov – non può essere definito formale. Il Paese vive una prolungata crisi economica che ha colpito non solo il popolo ma anche la Chiesa. La visita del Patriarca di Mosca è un gesto di solidarietà e di sostegno”, ha aggiunto Volkov.

Lunedì pomeriggio il Patriarca Russo è partito per Monte Athos dove rimarrà fino al 7 giugno ospite del Monastero di Agios Panteleimonas.

Una visita per la quale è stato necessario il permesso oltre che del Ministero degli Esteri Ellenico anche di quello del Patriarcato Ecumenico sotto la cui giurisdizione sono i Monasteri in quanto aveva creato qualche preoccupazione al Patriarcato Ecumenico di Constantinopoli a causa delle mai sopitesi aspirazioni della Chiesa Russa su Monte Athos.

Per questo motivo, il Patriarca di Constantinopoli Bartolomeo II si terrà continuamente informato su quanto accadrà nei prossimi giorni a in Monte Athos durante la visita di Kirill.

Secondo alcuni media, la direzione di Monte Athos inviterà il Patriarca Kirill e il Presidente Putin a visitare gli antichi Monasteri nel mese di ottobre quando si celebreranno i 100 anni dell’Unificazione della Penisola di Monte Athos con lo Stato greco.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login