Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Papa tranquillo su nomine

Edizione del: 20 agosto 2013

Veleni e malelingue del Vaticano non preoccupano Papa Francesco.

Fonti ben informate riferiscono  che le polemiche di questi giorni sulla giovane Pr Francesca Immacolata Chaouqui, Membro della Commissione Referente sulle strutture finanziarie Vaticane, non lo avrebbero particolarmente turbato.

Anche sul caso del Prelato dello Ior, Mons. Battista Ricca, chi ha potuto parlargli recentemente lo ha trovato “sereno”, seppure “dispiaciuto”: “sono cose dolorose – avrebbe commentato lo stesso Pontefice – ma speriamo che da parte di tutti ci sia una maggiore adesione alla vita spirituale”.

E’ di questi giorni il “caso Chaouqui”, la vicenda della giovane componente della Commissione di Monitoraggio sugli enti finanziari della Santa Sede ora nell’occhio del ciclone per i suoi “tweet” che esaltano la stagione Vatileaks e danno del “corrotto” al Cardinale Bertone.

Una polemica che ha provocato imbarazzo al di là del Tevere ma, se le fonti ufficiali Vaticane non commentano, ufficiosamente si tende a liquidare il tutto come una “bolla” estiva.

“Chiacchiere agostane”, le definiscono fonti qualificate.

Il caso Chaouqui e quello di Mons. Ricca, il Prelato dello Ior e Direttore della Residenza Santa Marta dove Bergoglio vive sul quale sono circolati voci e presunti dossier su suoi trascorsi “scandalosi” quando era in servizio alla Nunziatura di Montevideo, hanno sollevato dubbi su queste prime decisioni del Pontefice, intenzionato a portare avanti una profonda revisione delle Strutture Vaticane e dell’Istituto per lo Opere di Religione.

Tuttavia, le recenti polemiche non sembrano destabilizzare Bergoglio, che se da un lato si informa con i suoi Collaboratori e con chi può aiutarlo ad approfondire gli argomenti, dall’altro è consapevole anche di una prassi molto consolidata in Curia, quella dei falsi dossier fatti circolare per screditare le persone.

Tanto per dire, nelle ultime settimane uno di questi “dossier-patacca” è stato confezionato ai danni di un alto Prelato con la solita accusa di utilizzare denaro per procacciarsi incontri a sfondo sessuale.

You must be logged in to post a comment Login