Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Papa Assisi: crescono prenotazioni

Edizione del: 11 settembre 2013

Ad Assisi c’è il tutto esaurito in vista della visita di Papa Francesco il prossimo 4 ottobre.

Prenotazioni per lo più dall’Italia, per Federalberghi: da Roma, dalle Marche, Toscana, Campania e da zone del sud Italia, ma anche dall’estero, così in strutture di Perugia, Spello e Foligno.

Sempre secondo Federalberghi, per le notti del 3 e 4 ottobre, gli oltre 5mila posti disponibili nella Città Serafica, sono già tutti prenotati.

Il turismo, nello specifico religioso, continua a crescere – ha spiegato il Sindaco di Assisi Claudio Ricci – nel mese di luglio 2013, rispetto al 2012, si è registrato un più 12% di presenze.

E nei primi 7 mesi del 2013, rispetto all’anno passato il dato raggiunge il più 7%: un risultato ampio e incoraggiante.

Per Fioriti, di Federalberghi, la visita del Pontefice si annuncia importante non tanto per l’effetto economico, quanto per il “trascinamento” che si può creare; l’obiettivo è puntare sui contatti turistici in modo particolare con il Sudamerica.

Importante per Assisi e l’Umbria, la vista di Papa Francesco, nella terra del poverello predicatore di Pace, anche per il particolare momento storico che il mondo sta vivendo con la crisi e le violenze in Siria e la posizione sull’azione militare USA.

Il Papa chiede impegni per la Pace; sabato 7 settembre c’è stato il digiuno e veglie di preghiera in Italia e in molte chiese dell’Umbria, ad Assisi, Santa Maria degli Angeli, Perugia nella chiesa Regina della Pace, contro la guerra, come chiesto da Papa Bergoglio che si fa’ Pellegrino in terra Francescana, per ribadire l’impegno, alla fratellanza tra uomini e religioni, per guardare ai poveri, a chi ha bisogno di carità e aiuto, ai malati.

Il Presidente della Ceu Mons. Bassetti, Arcivescovo di Perugia, ha sottolineato come al centro della visita del Pontefice ci saranno “i poveri” e il concetto di “carità”.

“Il suo itinerario comincerà all’Istituto Serafico e poi siederà alla mensa con i poveri. In questi gesti c’è un messaggio profondo per la nostra Chiesa e per la nostra Regione. Sarà una visita – ha concluso – che cambierà le nostre vite”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login