Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Panama: Vescovi invitano alle elezioni

Edizione del: 17 gennaio 2014

Il comunicato pubblicato alla conclusione dell’Assemblea Plenaria della Conferenza Episcopale del Panama sottolinea come “nell’ambito del 500mo anniversario della Chiesa a Panama e della commemorazione del 50mo anniversario della ‘Gesta Patriotica’ del 9 gennaio, eventi storici che hanno plasmato l’identità della nostra nazione, vogliamo presentare la verità del Vangelo per illuminare la coscienza dei cittadini e dei candidati alle elezioni, mentre si avvicinano le elezioni del 4 maggio”.

Questa Assemblea, la numero 199, si è conclusa a Panama ed è stata molto seguita per l’approssimarsi delle elezioni generali.

“La Chiesa non cerca alcuna influenza politica. Mira semplicemente, come sottolineato da Benedetto XVI, a presentare la verità con tutta la sua forza morale e la sua esperienza in umanità. Il nostro compito è quello di formare le coscienze, difendere la giustizia e la verità, per educare alla dignità individuale e collettiva; costruire il Panama che tutti noi vogliamo e riaffermare una democrazia più partecipativa e inclusiva”, si legge nel documento dei Vescovi.

“Esortiamo i Cattolici, gli uomini di buona volontà, soprattutto i giovani, a partecipare alle prossime elezioni e, guidati dal Vangelo e dai criteri etici, ad eleggere candidati di provata onestà, sincerità e responsabilità. In 24 anni di democrazia, la Chiesa ha promosso l’adozione di criteri e impegni etici per eleggere i candidati che formeranno il nuovo Governo, attraverso il Patto Etico Elettorale ‘Santa María La Antigua’ – continua il testo -. Con questo si intende che la cittadinanza deve esercitare, da un lato un voto informato e consapevole, conoscendo le proposte e i piani dei candidati, tenendo conto dell’etica e del bene comune che dovrebbe guidare i criteri dell’azione politica, e, dall’altro, una sana vigilanza cittadina”.

Il testo conclude: “Esortiamo le Autorità a garantire che i cittadini possano eleggere nuovi Leader in tutta trasparenza, lontani dalle pratiche demagogiche e di pressioni indebite, come la compra-vendita di voti e l’uso illegale dei beni e dei fondi dello Stato”.

Il documento, firmato da tutti i Vescovi, è datato 9 gennaio 2014.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login