Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Paese schierato con parroco

Edizione del: 10 febbraio 2014

 “Silenzio, preghiera e perdono”: è in questo modo che don Paolo Biasi, parroco di Ca’ degli Oppi, in provincia di Verona, sta affrontando la bufera sollevata dalla trasmissione tv “Le Iene”, che ha riaperto il caso della sua condanna per molestie, risalente al 2010 e già scontata.

Il sacerdote ha parlato al termine della Veglia di Preghiera che si è tenuta venerdì sccorso nella chiesa parrocchiale di San Girolamo.

Veglia alla quale hanno preso parte più di 300 parrocchiani, facendo sentire la loro vicinanza al parroco.

Alla vista della chiesa gremita, il sacerdote ha fatto una prova microfono dicendo: “Di solito si dice 1, 2, 3 prova. Stasera permettetemi di dire, 1, 2, 3… grazie”.

A questo punto è scoppiato un fragoroso applauso, durato alcuni minuti che hanno fatto commuovere don Biasi.

E’ seguita la recita del Rosario, dell’invocazione allo Spirito Santo e della preghiera per la santificazione dei sacerdoti.

Quindi una melodia, suonata da un violino, ha preceduto le poche parole di saluto del parroco all’assemblea.

“E se questo momento di dolore servisse a renderci più uniti?”, si è domandato dall’altare don Paolo.

“Ringrazierei Dio se fosse così. Stasera qui non ci sono gruppi diversi, ma siamo una sola comunità Cristiana unita. Continuiamo a restare uniti”.

Quindi, salutato da tanti fedeli che li si sono fatti attorno, ha stretto loro la mano, uno ad uno.

“Speriamo che il Signore mi dia la salute”, ha aggiunto don Biasi alle parole iniziali, “Silenzio, preghiera e perdono”.

Comunque la partecipazione alla Veglia è stata un segnale chiaro: la comunità è dalla sua parte.

“Sicuramente”, risponde il sacerdote, “è importante sentire di avere vicino tante persone”.

Don Biasi è riuscito a tenere testa alle incalzanti e provocatorie domande delle “Iene”, recitando l’Ave Maria.

“Per mezza giornata, alcune persone con la microtelecamera addosso, attendevano il nostro parroco in tutti gli angoli della parrocchia per riprenderlo”, raccontavano in chiesa i fedeli accorsi per la Veglia.

I bambini e i ragazzi del catechismo, 2 ore prima del Rosario di venerdì, si sono presentati in chiesa con un cartellone di foto per assistere alla Messa del loro “don”.

“Questo è il segno che noi non crediamo alle accuse che gli sono state mosse e mandiamo i nostri figli tranquille al catechismo”, hanno sottolineato alcuni genitori, con accanto le catechiste, al termine del momento di preghiera.

“La cosa sembrava chiarita dopo la lettera del Vescovo: non capisco perché sia rispuntata fuori in questo momento con tanto fragore”, commenta il Sindaco di Oppeano, Alessandro Montagnoli, anche lui in chiesa alla Veglia.

“Nei confronti della comunità di Ca’ degli Oppi, don Paolo si è comportato bene ed è stato ben accolto. E’ un prete giovane che ha già iniziato a lavorare coinvolgendo bambini e ragazzi”, sottolinea il Sindaco.

“Avevamo saputo come amministrazione della vicenda che l’aveva coinvolto e per la quale era stato condannato, ma abbiamo saputo anche che egli si è sempre dichiarato innocente”.

“Comunque, ritengo sia la diocesi a dover prendere una posizione in merito alla situazione che si è creata e mi auguro non venga strumentalizzata dalla politica, visto che siamo prossimi alle elezioni amministrative ed europee”, conclude Montagnoli.

“Quando è giunto tra noi, si è detto subito disponibile ad incontrare in Canonica chiunque avesse voluto chiarimenti o spiegazioni sulla vicenda capitata quando era in Umbria”, fa notare Mirko Vertuan, Presidente dell’Avis di Ca’ degli Oppi e Promotore della Veglia, “non ha mai voluto tenerci nascosto nulla. Perché dunque ricorrere alla televisione per fargli del male? E’ stato un gesto scandaloso, al quale la comunità ha voluto ribellarsi venendo in chiesa stasera”.

“Ha scontato la sua pena e adesso è un uomo libero: non può essere perseguitato a vita”, fa notare Francesca Feder terminata la preghiera.

“E’ un sacerdote che ama stare in mezzo alla gente ed è giusto che torni a fare il parroco: in questi mesi ha dimostrato di avere ottime doti e potenzialità Pastorali. Gli auguro che stando in mezzo a noi, riesca a superare questa prova durissima”.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login