Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

PA: incendiate auto preti

Edizione del: 10 luglio 2013

L’Arcidiocesi di Palermo, rende noto che “a poche settimane dalla Beatificazione di don Giuseppe Puglisi, Martire della Fede, si verifica nella nostra città, e in particolare in uno dei suoi più popolosi quartieri, quello di Borgo Nuovo, un gravissimo episodio intimidatorio a danno della Comunità dei Padri Passionisti che operano al servizio della parrocchia di Santa Cristina. Le due autovetture dei tre sacerdoti, Padre Gianni Trumello, Padre Rosario Fontana e Padre Firmus Firman Rii, sono state date alle fiamme proprio all’interno del recinto parrocchiale, e nella zona antistante la casa Canonica dei Padri. Tale episodio è avvenuto lunedì sera, al termine di una veglia di preghiera che aveva riunito insieme, così come in altre occasioni, centinaia di fedeli delle parrocchie di Santa Cristina, di San Paolo e di San Giovanni Apostolo”.

“I fatti, così come si presentano, appaiono ancora più gravi perché chiaramente rivolti contro i Padri Passionisti che, insieme alla Comunità delle Suore della Sacra Famiglia di Spoleto, quotidianamente si trovano impegnati in una capillare azione di evangelizzazione e promozione umana tesa al risveglio spirituale e morale dell’intero territorio.  Esprimiamo vicinanza, sostegno e affetto nei confronti della Comunità dei Padri Passionisti e dell’intera Parrocchia di Santa Cristina. Al contempo non possiamo non condannare tali ignobili episodi intimidatori che generano sospetto, alimentano violenza e che, oltre a sfigurare il volto di un quartiere e della Città tutta, minacciano la diffusione del bene e – come afferma il Santo Padre Francesco – rubano la speranza alle nuove generazioni. Facciamo appello a tutti i fedeli del quartiere a rimanere uniti in questo momento di prova e a non lasciarsi scoraggiare nel fare il bene. Riponiamo altresì piena fiducia nel lavoro delle Forze dell’Ordine impegnate nelle indagini per l’accertamento delle responsabilità e per far luce sui fatti”.

You must be logged in to post a comment Login