Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

P. Greiche: popolazione egiziana esasperata

Edizione del: 4 gennaio 2014

Sale la tensione in Egitto dopo i recenti attacchi terroristi contro la stazione di polizia di Mansoura (il Cairo) e l’esplosione a bordo di un autobus di linea a vicino a Nasr City a pochi metri dall’Università Islamica di al-Azhar.

In vista del Natale Ortodosso, 7 gennaio, cresce anche il timore degli attentati contro i Cristiani Copti che, dopo la proclamazione dei Fratelli Musulmani come “gruppo terrorista” da parte del Governo, rischiano una nuova ondata di violenza simile a quella avvenuta il 14 agosto scorso.

Padre Rafic Greiche, Portavoce della Chiesa Cattolica egiziana, sottolinea che “il rischio di violenze è alto e lo è anche la paura fra la popolazione Cristiana. Tuttavia questo clima non ha impedito ai Cattolici di celebrare il Natale e lo stesso avverrà per i Copti-Ortodossi”.

In questi giorni Esercito e Polizia hanno iniziato a pianificare varie misure di sicurezza per proteggere i luoghi di culto dove il prossimo 7 gennaio si terranno i festeggiamenti per il Natale Ortodosso.

In molti temono manifestazioni violente e attacchi in occasione della seconda seduta del processo contro l’ex Presidente Islamista Mohamed Morsi prevista per l’8 gennaio 2014.

Tawadros II, Patriarca della Chiesa Copta-Ortodossa starebbe valutando con la polizia la possibilità di anticipare le funzioni religiose per meglio difendere i luoghi di culto da eventuali attacchi terroristi.

P. Greiche sottolinea che il Paese è ormai martoriato dal terrorismo Islamico: “Ogni giorno vi è un attacco, ma quello contro la stazione di polizia è stato il più terribile con 15 morti e decine di feriti. I Fratelli Musulmani si sono ormai alleati con i gruppi terroristi Islamici legati ad al-Qaeda responsabili dei numerosi attentati nella penisola del Sinai”.

“Gli islamisti – nota il sacerdote – stanno cercando di seminare il terrore fra la popolazione, per poter influenzare il risultato del referendum che si terrà fra il 14 e il 15 gennaio 2014”.

Secondo il Portavoce della Chiesa Cattolica, il Paese è ostaggio di una piccola minoranza violenza e le persone sono stanche di questo clima.

“Dopo l’esplosione dell’autobomba alla stazione di polizia di Mansoura – continua – la popolazione ha assaltato diversi negozi di proprietà dei Fratelli Musulmani. La società è esasperata da questi gruppi terroristi”.

L’inserimento dei Fratelli Musulmani nella lista dei gruppi terroristi da parte del Governo egiziano ha aumentato il rischio di atti terroristi.

P. Greiche nota però che quanto accaduto non ha nulla di straordinario.

“Fino al 2005 – afferma – i Fratelli Musulmani erano nella lista dei gruppi terroristi di Stati Uniti ed Europa e in seguito sono stati misteriosamente riabilitati. Ora essi sono semplicemente tornati nella lista, perché i loro atti e i loro comportamenti sono propri dei movimenti terroristi”.

Nei quartieri poveri del Cairo la paura e lo sconforto colpiscono in modo indistinto Musulmani e Cristiani.

La maggior parte delle chiese Copte sorgono in quartieri a maggioranza Musulmana.

Al Cairo e nelle grande città la polizia è in grado di proteggere la popolazione, ma dove le Autorità non sono presenti gli Estremisti Islamici dettano legge.

Lo scorso 23 ottobre nel villaggio di Tarshoub (Beni Suef, Alto Egitto), centinaia di Islamisti aizzati da un Imam appartenente ai Fratelli Musulmani hanno assaltato le abitazioni della minoranza Cristiana, imponendo la chiusura della chiesa.

A scatenare la reazione degli Islamisti è stata la nomina di un nuovo parroco.

Finora la polizia non ha arrestato gli aggressori e la chiesa resta chiusa.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login