Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Oss. Romano: Napolitano risorsa Repubblica

Edizione del: 20 aprile 2013

L’Osservatore Romano, quotidiano della Città del Vaticano sottolinea: “E’ ancora una volta Giorgio Napolitano la vera risorsa della Repubblica, quella necessaria per tirare fuori l’Italia da una crisi politica e istituzionale senza precedenti che ora dopo ora si stava sempre più complicando”.

“Partito democratico, Pd, Popolo della libertà, Pdl, Scelta civica e Lega nord hanno infatti concordato di chiedere all’attuale Presidente in carica di accettare un nuovo mandato presidenziale. E alla fine Napolitano ha dato la sua disponibilità”, prosegue il quotidiano Vaticano.

“Il nodo che è apparso a un tratto quasi irrisolvibile sembra dunque finalmente sciolto soltanto grazie alla disponibilità di Napolitano, il quale ha accettato di tornare sulla sua decisione di non ricandidarsi dopo la richiesta quasi unanime delle forze politiche. Ma a dimostrazione del clima difficile che sta caratterizzando la vita politica italiana -aggiunge l’Osservatore Romano- basti tener conto della notizia, fatta trapelare dal Pd, secondo la quale, al fine di evitare il ripetersi del sabotaggio da parte dei franchi tiratori, i voti espressi dal partito al sesto scrutinio — che si svolge mentre andiamo in stampa e che dovrebbe sancire la rielezione di Napolitano — saranno riconoscibili. Sarebbe infatti catastrofico per la credibilità anche delle stesse Istituzioni, come del resto la nota del Quirinale fa capire, se, dopo aver richiamato in campo l’attuale Capo dello Stato, le forze politiche ne bocciassero la candidatura nel segreto dell’urna”.

Alla scelta di Napolitano “si è arrivati al termine di ore drammatiche, soprattutto per il Pd, dopo che nella votazione di venerdì pomeriggio il candidato di questo partito, Romano Prodi, non era riuscito a raggiungere la maggioranza necessaria dei voti. A far mancare il sostegno all’ex Presidente del Consiglio è stata una parte consistente del Pd, che pure nell’assemblea dei ‘grandi elettori’, venerdì mattina, ne aveva appoggiato la candidatura all’unanimità. Di fronte a questo dato, Pier Luigi Bersani ha annunciato le sue dimissioni dalla carica di Segretario del partito; la decisione sarà formalizzata all’indomani dell’elezione del Presidente della Repubblica. Immediate invece le dimissioni del Presidente del Pd, Rosy Bindi”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login