Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Olanda: Laici contro Vescovi

Edizione del: 3 dicembre 2013

Ieri mattina il Papa ha ricevuto in Visita ad Limina i Vescovi olandesi.

In concomitanza con la visita in Vaticano è partita una iniziativa di cattolici olandesi che hanno emesso un comunicato, e preparato un documento, diretto al Papa, e intitolato “ad limina”.

La situazione della “vivace” Chiesa olandese, mai tranquilla da decenni – basta ricordare il loro “rivoluzionario” Catechismo degli anni Settanta – sembra conoscere una nuova crisi, che provoca “preoccupazioni radicate verso la direzione allarmante che la Chiesa olandese, gravata da difficoltà ha preso negli ultimi anni”, scrivono i laici.

Molti laici attivi vedono che “la fede cattolica, la cultura, il suo patrimonio e la sua eredità sono ora in pericolo di essere persi per sempre”.

L’impressione è che la Chiesa del Paese “sia alla deriva”; e per questo hanno compiuto una mossa senza precedenti.

L’Associazione Bezield Verband Utrecht, che ha più di 4mila iscritti, associati e la  Professorsmanifest, piattaforma accademica che comprende più di  60 docenti di tutte le università olandesi, si sono unite e insieme hanno redatto l’ampio rapporto “ad Limina”.

I laici accusano i Vescovi di “aver scelto di ritirarsi dai loro obblighi e responsabilità verso il loro gregge, citando una litania di ostacoli sociali che sono incapaci o non vogliono affrontare”.

In particolare appare allarmante ai laici il programma di soppressione di parrocchie, chiusure, vendita di beni ecclesiastici e chiese.

I Vescovi vogliono creare nuove megaparrocchie chiamate “Centri eucaristici”, guidati da “squadre di management” nominate dai vescovi con un prete.

Questo nuove mega-parrocchie saranno chiamate “Luoghi di speranza”.

Secondo il documento circa 1.300 parrocchie saranno soppresse, mentre sono 1.000 gli edifici ecclesiastici che saranno demoliti.

Queste misure sono prese contro i desideri dei parrocchiani, molti dei quali sentono di essere stati “marginalizzati e privati dei loro diritti nelle loro proprie chiese”.

Non resta ora che aspettare cosa dirà il Papa nel suo discorso ufficiale durante l’incontro collegiale con i Vescovi Olandesi o se finirà per ignorare del tutto il documento dei laici olandesi.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login