Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Nuova protesta Di Finzio sulla Cupola di S. Pietro

Edizione del: 31 marzo 2014

Protesta Di FinzioPer la quarta volta Marcello Di Finzio è riuscito a eludere la vigilanza della sicurezza e a scalare la Cupola di San Pietro.

Il triestino, ormai un “professionista” della protesta plateale, si è di nuovo abbarbicato sulla Basilica, dalla quale ha lanciato un messaggio a Papa Francesco e al Presidente della Repubblica italiana, Giorgio Napolitano.

Di Finizio,  titolare del locale “La Voce della Luna” di Barcola, una frazione del comune di Trieste, ora ridotto a un ammasso di rovine, è una vecchia conoscenza, oltre che delle Forze dell’Ordine e delle aule giudiziarie italiane, anche della Gendarmeria Vaticana.

La prima protesta risale al 30 luglio 2012, contro la direttiva Bolkestein che, a suo dire, danneggerebbe la sua attività imprenditoriale.

Il 10 ottobre dello stesso anno replicò l’iniziativa, questa volta contro il Governo Monti e le multinazionali.

Il 20 maggio 2013, nonostante il divieto del Questore a ritornare nella capitale,  riuscì comunque a mettere a segno l’ultima “scalata”, ancora una volta contro l’euro e la “macelleria sociale”.

Dopo quasi 30 ore sulla Cupola, si convinse a scendere con la promessa di un incontro con i Ministri al Turismo e alle Politiche Europee.

“Mi hanno mentito per 3 volte – spiega al suo quarto blitz a San Pietro – ma non darò loro la soddisfazione di suicidarmi, io combatterò sempre per difendere la mia casa e il mio lavoro fino all’ultimo respiro. Se vogliono ammazzarmi, ammazzare la gente, lo devono fare davanti a tutti, affinché sia chiaro che questi non sono suicidi, ma omicidi di Stato”.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login