Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

NA: rischio chiusura chiesa

Edizione del: 15 settembre 2013

Il parroco va in pensione e la chiesa rischia la chiusura perché non ci sono successori.

Succede a Materdei, quartiere popolare di Napoli. la chiesa è quella di Sant’Agostino degli Scalzi, riaperta solo qualche anno fa dopo la chiusura forzata per i danni subiti dal terremoto del 1980.

Padre Celestino, 92 anni, a breve lascerà il suo posto, ma l’Ordine degli Agostiniani, a Napoli presente in poche unità, non ha ancora previsto un sostituto.

Il rischio è quello di un nuovo caso Girolamini, la biblioteca del complesso monumentale in Via Duomo saccheggiata dei suoi libri antichi.

Anche la chiesa di Sant’Agostino vanta una biblioteca, molto più piccola di quella dei Girolamini, ma che conserva preziosi manoscritti del ‘500 e del ‘600.

“Padre Celestino ha detto che vuole portarli con sé, ma se dovessero restare lì sarebbe pericoloso, si rischierebbe un nuovo sacco”, spiega Antonio Pariante, Presidente del Comitato Portosalvo che, come altre Associazioni, ha lanciato l’allarme.

Pariante ricorda un caso analogo avvenuto a Napoli, quello della chiesa di San Pietro Martire a Corso Umberto, nei pressi dell’Università “Federico II”: “dopo un anno di chiusura – racconta – la chiesa è stata affidata alla Comunità di Sant’Egidio che è subentrata all’Ordine dei Domenicani al quale la chiesa ancora appartiene da un punto di vista formale”.

“Allo stesso modo – aggiunge Pariante – l’Arcivescovo di Napoli, Cardinale Crescenzio Sepe, per assicurare la continuità dell’attività ecclesiastica, potrebbe affidare la chiesa di Sant’Agostino a un altro Ordine. Non dimentichiamo che di recente ha ordinato 18 nuovi sacerdoti”.

La comunità di Materdei, spiega Pariante, è preoccupata: “La storia ha destato molta attenzione e scalpore nel quartiere. I residenti sono preoccupati di perdere questa risorsa anche perché, mai come in questo tempo, la città di Napoli versa in un degrado anche morale e la gente ha bisogno di mantenere il riferimento della propria chiesa”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login