Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Morto Mons. Lavagna: scrisse il testo dell’Inno Vaticano

Edizione del: 1 novembre 2015

lavagnaNella serata di sabato 24 ottobre è scomparso a Roma Monsignor Raffaello Lavagna: sacerdote, drammaturgo, librettista lirico, autore di testi per canzoni e melodie sacre, giornalista di Radio Vaticana e animatore di spettacoli teatrali.

Tra le varie opere scritte spicca il testo dell’Inno Vaticano.

“L’Inno non aveva un testo in latino, come invece avrebbe dovuto, essendo la lingua ufficiale del Vaticano – affermava Lavagna -. Su invito dell’Associazione Italiana di Santa Cecilia, con grande fatica mi misi all’opera. Di solito infatti prima si scrivono le parole e poi si mette la musica, mentre qui c’era già il tema della Marcia Pontificia di Gounod e adattare le parole latine, senza tronche, con gli accenti corretti, era impresa ben difficile. Mi costò quasi 2 anni di prove e riprove, cercando le parole più consone tratte dai Vangeli e dagli Atti degli Apostoli sul personaggio di San Pietro”.

Il Presule aveva da poco compiuto 97 anni: era nato il 22 ottobre 1918 a Savona, città a cui rimase sempre legatissimo.

Entrato in Seminario nel 1930, fu ordinato presbitero nel 1942 e subito nominato Cappellano Militare e Tenente presso la Delegazione all’assistenza dei militari della Liguria.

Congedato nel 1945 dopo essere stato anche Cappellano in un Campo di Concentramento, venne assegnato alla parrocchia di Spotorno dove iniziò le sue prime esperienze teatrali.

Nel 1950 fu trasferito a Savona e qui, in occasione del Congresso Eucaristico diocesano, organizzò uno spettacolo dimostrando come il teatro possa essere un grande strumento di evangelizzazione.

Dopo aver approfondito gli studi a Roma, diventò Consulente Religioso alla sede Rai di Genova, con Enzo Tortora.

Poi dopo un incontro casuale col Conte Enrico Pietro Galeazzi, Governatore dello Stato della Città del Vaticano, nel 1956 venne chiamato a Radio Vaticana.

Da allora la sua attività artistica e teatrale non si fermò più con decine e decine di lavori.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login