Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

L’esperienza mistica di Benedetto

Edizione del: 25 agosto 2013

Nei giorni scorsi un sito d’informazione religiosa ha diffuso una notizia che personalmente mi ha lasciato molto perplesso.

Secondo questo sito il Papa Emerito Benedetto XVI, durante uno dei rarissimi incontri privati con gruppi e/o persone che ha nella sua nuova residenza all’interno dei giardini vaticani, dove si è ritirato dal maggio scorso,  avrebbe confessato/risposto, a chi gli chiedeva le ragioni della sua storica rinuncia, che “me l’ha detto Dio durante un esperienza mistica”.

Ovviamente la notizia è stata ripresa ed amplificata, almeno qui in Italia, dai principali telegiornali nazionali della Rai e delle emittenti private.

Nonostante la vita di clausura scelta da Papa Ratzinger, ogni tanto concede, sporadicamente e solo in determinate occasioni, alcune visite privatissime nella piccola palazzina Mater Ecclesiae, ex monastero di clausura voluto nel piccolo stato vaticano da Papa Giovanni Paolo II.

Durante questi incontri, l’ex Pontefice non commenta, non svela segreti, non si lascia andare a dichiarazioni ufficiali e non, che potrebbero pesare come le parole dette dall’altro Papa, ma mantiene la riservatezza che lo ha sempre caratterizzato.

Al massimo, fanno notare alcuni ex collaboratori, “osserva soddisfatto le meraviglie che lo Spirito Santo sta facendo con il suo Successore”.

Recentemente però avrebbe parlato di “un esperienza mistica” dove Dio gli avrebbe richiesto di dimettersi, questo almeno secondo il racconto di chi ha raccolto la confessione, e il sito che l’ha pubblicata/diffusa.

“Me l’ha detto Dio” è stata la risposta del Pontefice Emerito alla domanda sul perché abbia rinunciato al Soglio di Pietro.

Ha poi subito precisato che non si è trattato di alcun tipo di apparizione o fenomeno del genere.

Piuttosto è stata “un’esperienza mistica” in cui il Signore ha fatto nascere nel suo cuore un “desiderio assoluto” di restare solo a solo con Lui, raccolto nella preghiera.

Lo stesso Ratzinger ha dichiarato che questa “esperienza mistica” si è protratta lungo tutti questi mesi, aumentando sempre di più quell’anelito di un rapporto unico e diretto con il Signore.

Inoltre, il Papa Emerito ha rivelato che più osserva il “carisma” di Francesco, più capisce quanto questa sua scelta sia stata la “volontà di Dio”.

Sarà vero… sarà falso….sicuramente qualche perplessità nasce, o almeno dovrebbe nascere, in chi fa informazione.

“Posso solo dire che si tratta di sciocchezze e invenzioni”, ha subito commentato il biografo di Benedetto XVI Peter Seewald, co-autore del libro di Joseph Ratzinger “Luce del mondo”, che in un’intervista ha respinto energicamente  le interpretazioni circa la rinuncia di Papa Ratzinger ispirata dall’esperienza mistica.

Non ritenendo che nemmeno Seewald abbia tra le sue mani la verità assoluta, tuttavia, in questo caso, non possiamo che concordare con lui.

Fosse solo per come questa “notizia” è stata poi presentata in questo caldo agosto.

Come se Dio fosse apparso a Ratzinger come la Madonna fa con i Veggenti oppure Gesù con qualche Santo.

Niente di tutto questo.

E allora che bisogno c’era di diffondere una non notizia, visto che tra l’altro, lo stesso Papa Benedetto XVI, prima di lasciare, lo scorso 28 febbraio, la guida della Chiesa, aveva già ampiamente e diffusamente spiegato, in pubblico, di come tale decisione sia in lui maturata?

Franco Mariani

 


Autore: 

Franco Mariani, direttore di News Cattoliche, classe 1964, giornalista, ha cominciato ad occuparsi di giornalismo nel 1978, a 14 anni, l’anno dei tre Papi, scrivendo per alcuni settimanali cattolici, passando poi a quotidiani, televisioni, radio e web. E’ giornalista Vaticanista, critico cinematografico ed esperto dell’Alluvione di Firenze del 1966 e dello Zecchino d’Oro. Ha frequentato la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze. In seno al Sindacato unitario dei giornalisti ha ricoperto vari incarichi regionali e nazionali. E’ direttore di varie testate e ha pubblicato diversi libri sulla storia del papato e di Firenze. E’ Cavaliere di Merito dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio.

You must be logged in to post a comment Login