Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

L’Arcivescovo di Sorrento rifiuta elemosine confiscate

Edizione del: 25 novembre 2014

Arcivescovo AlfanoL’Arcidiocesi di Sorrento-Castellammare di Stabia ha deciso di non accettare le elemosine confiscate dal Comune ai mendicanti e che l’Amministrazione ha stabilito siano destinate alla Caritas diocesana.

L’Arcivescovo Francesco Alfano ha fatto pubblicare sul sito web della diocesi il seguente comunicato:

“Animati da profonda fede, non cedete mai a compromessi ispirati dal desiderio del facile guadagno. Promuovete sempre, in maniera autentica, la causa dell’uomo. Mentre vi sforzate di migliorare e rendere più efficienti i servizi per il tempo libero, non chiudete gli occhi dinanzi a tanti fratelli vicini e lontani, privi ancora del necessario. È forte, infatti, la tentazione di aderire alla ‘congiura del silenzio’, che, soprattutto nelle località turistiche, cerca di allontanare, o addirittura di rimuovere, il ricordo di chi ha fame, o giace nella miseria, o è senza casa, o è privato dei propri diritti fondamentali”. Sono le parole che Giovanni Paolo II, nella sua visita all’Arcidiocesi di Sorrento-Castellammare di Stabia, il 19 marzo 1992, ha rivolto ai sorrentini.

La Chiesa è per sua stessa vocazione accogliente verso i poveri.

Ed “una Chiesa povera per i poveri” è quella che Papa Francesco sogna, come ha detto egli stesso, a pochi giorni dall’elezione al Soglio Pontificio.

Fa, perciò, clamore in questi giorni l’Ordinanza adottata dal Sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, in riferimento all’accattonaggio molesto.

Nell’ordinanza è previsto che i soldi confiscati ai mendicanti vadano alla Caritas diocesana di Sorrento.

La Caritas, però, non è stata consultata e non accetterà di ricevere le elemosine confiscate.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login