Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

La vita a Santa Marta

Edizione del: 21 dicembre 2013

Papa Bergoglio abita lontano dal Palazzo Apostolico, alla Casa Santa Marta, diretta dal Prelato dello Ior, Monsignor Battista Ricca, in spirito di semplicità e sobrietà.

Con lui  e gli altri ospiti della Foresteria Vaticana vivono e lavorano 7 Suore e 3 addette alla Segreteria, laiche sposate, che al termine dell’orario di lavoro tornano alle loro case fuori dalle Mura Leonine.

Il loro rapporto con Francesco è di grande familiarità, così come lo è quello dei suoi Segretari. don Alfred e don Fabian.

Le Religiose abitano nel vecchio Convento di Santa Marta, che si trova alle spalle dell’attuale struttura ricettiva e hanno il compito di lavorare in cucina, in sala da pranzo e in sacrestia.

Sono di varie nazionalità, Italia, Polonia, Ecuador etc., hanno il velo in testa e l’abito bianco e blu.

Svolgono servizio di assistenza e tutte le mattine partecipano alla Messa celebrata da Francesco nella Cappella all’interno di Santa Marta, senza canti religiosi né animazione liturgica.

Nel Refettorio al Papa e agli altri ospiti vengono serviti il primo e il secondo, mentre Bergoglio si alza come tutti gli altri commensali per prendere il contorno e le altre pietanze dal tavolo del buffet.

Le addette laiche alla portineria e alla Segreteria di Santa Marta si occupano delle prenotazioni e del servizio di reception.

Davanti all’ingresso le Guardie Svizzere controllano l’accesso di ospiti e visitatori.

Spesso si affaccia il Comandante dell’Esercito Pontificio Daniel Anrig.

Nessun menù o trattamento speciali per Francesco: stireria e lavanderia sono in comune con gli altri ospiti della struttura.

Quando ha ospiti il  Papa  li  riceve tutti nelle salette al pian terreno della Foresteria e talvolta, per pranzi o cene riservati con visitatori particolari, mangia in una stanza accanto al Refettorio.

Al piano di sopra lui abita in 50 metri quadri mentre gli altri ospiti in 20.

Il clima è di grande cordialità.

Durante i pasti il Pontefice scherza e conversa con i commensali. “Come va la gioia nella vostra casa?”, chiese alle famiglie arrivate a Roma in Pellegrinaggio.

E’ lo stesso spirito che caratterizza la sua casa e la sua mensa.

Al Palazzo Apostolico Bergoglio si reca solo per gli incontri ufficiali e per l’Angelus.

Tutto il resto lo fa a Santa Marta.

 Ad accrescere il clima familiare della Foresteria Vaticana è la presenza a Santa Marta delle madri di alcuni ospiti, come quella del Segretario di Stato, Pietro Parolin.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login