Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Kyenge a Sinodo Valdesi

Edizione del: 25 agosto 2013

“Santa ignoranza. Gli italiani, il pluralismo delle fedi, l’analfabetismo religioso” è  il tema della serata pubblica di lunedì 26 agosto organizzata nell’ambito del Sinodo delle Chiese Metodiste e Valdesi che si apre oggi e che durerà fino al 30 agosto.

Per l’occasione, alle 20.45 nel Tempio Valdese di Torre Pellice, Torino, è attesa Cecile Kyenge, Ministro per l’Integrazione con delega, tra l’altro, per il Dialogo Interreligioso.

Politiche di integrazione e pluralismo religioso in Italia, ma anche “analfabetismo religioso” degli italiani: di questo e altro si parlerà nel corso della serata.

Sarà presentata inoltre una ricerca Gfk-Eurisko commissionata dalla Tavola Valdese sulle conoscenze biblico-religiose degli italiani, i cui risultati non sembrano essere molto confortanti.

“Il quadro potrebbe definirsi di semianalfabetismo in fatto di religione, un dato ancora più preoccupante se si pensa che la stragrande maggioranza degli italiani si dichiara Cristiano”, anticipa il Politologo Paolo Naso, Coordinatore della Commissione Studi della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, FCEI.

“E’ per noi un onore poter accogliere il Ministro Kyenge – dichiara il Pastore Eugenio Bernardini, Moderatore della Tavola Valdese – non solo per quello che sta facendo per i diritti degli immigrati e per una costruttiva integrazione interculturale, ma anche per quello che rappresenta: una donna che sta compiendo il suo dovere con competenza e spirito istituzionale, reagendo con fermezza e dignità alle volgari provocazione razziste di cui è fatta oggetto. La nostra Chiesa, che ogni giorno vive la ricchezza dello scambio interculturale con migliaia di fratelli e di sorelle immigrati inseriti nelle nostre comunità, è pronta ad accompagnare la Ministra nel suo impegno per i diritti degli immigrati e per quel pluralismo culturale e religioso che ancora non ha adeguato riconoscimento pubblico”.

You must be logged in to post a comment Login