Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Israele: riaperte le Scuole Cattoliche

Edizione del: 2 ottobre 2015

scuola cattolica terra santaL’Ufficio delle Scuole Cristiane in Terra Santa e il Ministero dell’Educazione israeliano hanno trovato la via per uscire dal contenzioso che li contrappone da mesi.

Così, dopo 3 settimane di sciopero e di mobilitazione le 47 scuole Cristiane operanti nello Stato di Israele hanno finalmente aperto le porte ai loro 33mila studenti e hanno dato inizio alle lezioni del nuovo anno scolastico.

Lo riferiscono le fonti ufficiali del Patriarcato latino di Gerusalemme.

“Siamo soddisfatti – commenta Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo, Vicario Patriarcale di Gerusalemme – oggi le scuole Cristiane sono aperte ed è cominciato in via ufficiale l’anno scolastico. In teoria abbiamo perso 28 giorni, in realtà con le vacanze e le festività Ebraiche, Cristiane e Musulmane i giorni sono solo 15 e abbiamo tutto il tempo per recuperarli”.

La battaglia di genitori e alunni è stata sostenuta dalla Chiesa di Terra Santa e dai Vescovi europei.

Per Mons. Marcuzzo “l’accordo è stato possibile grazie all’unità, alla collaborazione e alla solidarietà che si è venuta a creare a tutti i livelli. Famiglie, Sindaci, Sindacati, società civile, arabi ed Ebrei, Cristiani e Musulmani, tutti si sono adoperati per questo obiettivo. Questo – aggiunge – è l’elemento di maggiore soddisfazione, perché conferma il ruolo di ponte dei Cristiani nella società, perché è fonte di unità e vicinanza”.

​Nelle scorse settimane, gli alunni delle scuole Cristiane, insieme ai propri genitori e agli insegnanti, avevano organizzato anche manifestazioni di piazza per denunciare il taglio massiccio dei contributi statali imposto negli ultimi 2 anni da parte del Governo d’Israele.

La scorsa settimana, alcune proposte per uscire dall’impasse erano state presentate dal Ministero israeliano per l’educazione all’Ufficio delle Scuole Cristiane, che le ha accettate.

L’accordo prevede l’attribuzione alle scuole Cristiane di un primo contributo di 50 milioni di shekel – pari a quasi 11 milioni e 350mila euro – per il primo trimestre dell’anno scolastico 2015-2016.

Poi verrà creato un nuovo Organismo negoziale, incaricato di affrontare e risolvere le questioni in sospeso.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login