Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Ior: i Cardinali rimettono tutto a posto

Edizione del: 3 giugno 2012

Mentre il Papa, con il Cardinale Bertone, è a Milano per il settimo Incontro mondiale delle famiglie, acclamato da folle numerose, all’ombra della cupola di San Pietro giunge a una svolta l’acceso scontro sulla gestione dello Ior.

La destituzione di Ettore Gotti Tedeschi da presidente della banca vaticana è ora effettiva. La Commissione cardinalizia di vigilanza, l’organo cui spetta il potere di nomina e revoca del presidente, ha infatti “preso atto” della decisione del board dell’Istituto, formato da laici, di votare la sfiducia e “ha comunicato per iscritto” a Gotti Tedeschi che le funzioni di presidenza passano, ad interim, a Ronaldo Hermann Schmitz, essendo il vice presidente, come da statuto.

A renderlo noto è stato il direttore della sala stampa vaticana padre Federico Lombardi, che è intervenuto sulla vicenda da Milano dove in mattinata erano rimbalzate le indiscrezioni pubblicate su alcuni quotidiani circa una spaccatura tra i Cardinali che compongono la Commissione, con i porporati Toppo e Scherer schierati con il Cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone, e i porporati Tauran e Nicora sul fronte opposto.

La smentita di Lombardi è stata netta.

“Le affermazioni pubblicate da alcuni quotidiani su una divisione tra i cardinali della Commissione di vigilanza sullo Ior – ha affermato il portavoce vaticano – sono assolutamente non fondate. Non c’è nessuna divisione – ha aggiunto – all’interno della Commissione cardinalizia”.

La comunicazione per iscritto a Gotti Tedeschi, ha ancora spiegato padre Lombardi, equivale alla “ratifica” della sfiducia votata all’unanimità dal board dei laici.

Decisione che è stata maturata, come si è appreso dalla pubblicazione sulla stampa italiana, di un memorandum della riunione del cda dello Ior,  in cui si è votata la sfiducia firmato da Carl Anderson, Cavaliere supremo dei Cavalieri di Colombo e membro del board, per diversi inadempimenti addebitati a Gotti oltre che per l’accusa mossagli di non aver affatto traghettato l’istituto verso una maggior trasparenza come voleva il suo mandato.

Ma c’è di più.

Padre Lombardi ha anche fatto sapere che la Commissione ha “desiderato prendere contatto con Gotti Tedeschi per cortesia, non per incertezza, e per concludere il rapporto”, anche per quanto riguarda gli aspetti economici, e con la speranza – ha aggiunto – “che si ristabilisca un clima di correttezza anche nell’ambito della comunicazione”.

In questi giorni, l’economista cattolico è stato descritto da persone a lui vicine “amareggiato”. soprattutto per il fatto di sentirsi “offeso nella propria onorabilità”.

Su questo fronte, Gotti Tedeschi ha incassato oggi la solidarietà di diversi personaggi del mondo dell’economia e della finanza, come, tra gli altri, Carlo Castellano, consigliere di Banca d’Italia, o Maurizio Lauri di Unicredit, che hanno preso carta e penna per esprimergli solidarietà.

In una lettera pubblicata dal Corriere della Sera, hanno affermato che “mai nella storia recente il responsabile di un’istituzione è stato allontanato dal suo incarico con tanta brutalità”.


Autore: 

Franco Mariani, direttore di News Cattoliche, classe 1964, giornalista, ha cominciato ad occuparsi di giornalismo nel 1978, a 14 anni, l’anno dei tre Papi, scrivendo per alcuni settimanali cattolici, passando poi a quotidiani, televisioni, radio e web. E’ giornalista Vaticanista, critico cinematografico ed esperto dell’Alluvione di Firenze del 1966 e dello Zecchino d’Oro. Ha frequentato la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze. In seno al Sindacato unitario dei giornalisti ha ricoperto vari incarichi regionali e nazionali. E’ direttore di varie testate e ha pubblicato diversi libri sulla storia del papato e di Firenze. E’ Cavaliere di Merito dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio.

You must be logged in to post a comment Login