Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

India: dissacrato Crocifisso

Edizione del: 18 dicembre 2013

Un antico Crocifisso è stato vandalizzato e dissacrato domenica 15 dicembre a Vile Parle, un sobborgo di Mumbai, in India.

Per il momento, è ancora ignoro l’autore del gesto, che ha sconvolto la comunità Cattolica locale.

Il Cardinale Oswald Gracias, Arcivescovo di Mumbai e Presidente della Conferenza Episcopale Indiana, Cbci, sottolinea che “questo grave atto di vandalismo al Corpo di Cristo ferisce ciascuno di noi, e colpisce anche la tolleranza, l’armonia e la pluralità che contraddistinguono la nostra amata città”.

Il Crocifisso risale al 1880 e si trovava lungo la strada principale del quartiere.

Secondo la ricostruzione della Polizia di Santa Cruz – a cui è stato denunciato il fatto – l’attacco è avvenuto nelle prime ore del mattino.

Ad accorgersi del danno è stato un parrocchiano della chiesa di San Francesco Saverio a Vile Parle, che sorge a poca distanza dalla Croce.

La statua di Gesù è stata staccata dalla Croce e smembrata.

“Il modo in cui la statua di Gesù è stata dilaniata – sottolinea il Cardinale Gracias – mi causa immensa angoscia: le mani sono state spezzate e gettate via; la testa ha una profonda crepa; solo un piccolo pezzo del corpo è rimasto attaccato alla Croce”.

Il momento, aggiunge, “è particolarmente triste anche perché non si tratta di un incidente isolato: lo scorso settembre la chiesa di San Giuseppe a Juhu è stata profanata. La comunità Cristiana è rispettosa della Legge e chiediamo a Dio di perdonare questo gesto. Anche noi perdoniamo chi ha compiuto l’attacco, e preghiamo per la nostra città, affinché lo spirito di pace, armonia, convivenza e tolleranza reciproca prevalga su ciascuno di noi”.

“Il fedele che ha scoperto l’accaduto – racconta Padre Theodore Fernandes, il parroco – mi ha informato subito. La nostra comunità è addolorata per la dissacrazione, perché questo Crocifisso esiste da generazioni e persone di ogni fede vi hanno sempre portato offerte”.

A rendere il fatto ancora più triste, spiega il sacerdote, “è che ieri 37 bambini si preparavano a ricevere la Prima Comunione nella nostra chiesa”.

In segno di rispetto, nel tardo pomeriggio i parrocchiani hanno partecipato a una Processione dalla chiesa alla Croce, recitando il Rosario e pregando.

Inoltre, fino al prossimo 21 dicembre si potrà recitare il Rosario della Divina Misericordia ai piedi della Croce.

Lunedì  il Cardinale Gracias ha presieduto una Messa di Riparazione.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login