Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Il prete gay Cain sfida la Chiesa Anglicana

Edizione del: 28 marzo 2014

Sacerdote CainSi chiama Andrew Cain e a giugno dirà “Sì” al suo partner Stephen Foreshew.

Tutto nella norma, se non fosse che Cain, 50 anni, è da una trentina d’anni Padre Cain, Vicario di due parrocchie nel Nord-ovest di Londra.

La norma sulla legalizzazione dei matrimoni gay entrerà in vigore in Inghilterra alla fine del mese di marzo, ma i Vescovi Anglicani non sono della stessa idea, tanto che sono formalmente proibiti i matrimoni religiosi tra persone dello stesso sesso, e quindi di unioni omosessuali per i preti non se ne parla nemmeno.

Anzi, i Prelati gay vengono accettati in seno alla Chiesa a patto che non pubblicizzino il proprio orientamento sessuale.

“La Chiesa Anglicana conta un numero impressionante di preti omosessuali, quasi un terzo – ha detto il prete – I gay spesso hanno una sensibilità molto forte nei confronti delle questioni spirituali”.

Cain, molto amato nella sua comunità per il suo impegno a mettere la parrocchia al centro delle attività sociali, ha ricevuto nei giorni scorsi una vera e propria predica da parte del proprio Vescovo di riferimento, che lo ha rimproverato per la sfida apertamente rivolta alle Istituzioni ecclesiastiche cercando di convincerlo a cambiare idea.

Una presa di posizione degna degli “uomini di Neanderthal”, secondo il Vicario.

“Ho sempre adorato il mio lavoro, ma al momento trovo abbastanza difficile amare la Chiesa: sono arrabbiato e amareggiato”, ha fatto sapere.

Fidanzato con Foreshew da 14 anni, il Prelato ha fatto la proposta di matrimonio il 14 febbraio scorso con tanto di inginocchiamento d’ordinanza.

Il suo partner, ateo, si è detto fiero del coraggio del promesso sposo ma anche molto preoccupato per le ripercussioni che il matrimonio potrebbe avere sull’incarico di Cain.

Il sacerdote potrebbe andare incontro a sanzioni o anche alla destituzione, il che sarebbe “molto doloroso ed estremamente traumatico per lui”, ha dichiarato .

“A creare il caso sono stati i Vescovi, non io”, ha puntualizzato Padre Cain.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login