Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

I 1200 conti laici dello IOR

Edizione del: 16 dicembre 2013

Nell’era di Papa Bergoglio la Banca Vaticana ripulisce le proprie casse e invia 1.200 lettere di disdetta ad altrettanti correntisti laici.

Il nuovo Ior si limita a prestare servizio solo a “Istituzioni Cattoliche, Ecclesiastici, Dipendenti o ex Dipendenti del Vaticano titolari di conti per stipendi e pensioni nonché Diplomatici accreditati presso la Santa Sede”.

Tutti gli altri sono fuori: che detto letteralmente in soldoni, significa 300 milioni di euro in meno per l’Istituto di credito.

Le lettere sono state inviate il 19 settembre ma la decisione è stata adottata il 4 luglio, pochi giorni dopo l’uscita di scena dalla Banca del Direttore Generale Paolo Cipriani e del suo vice Massimo Tulli, travolti dall’arresto di Monsignor Nunzio Scarano.

In Italia le autorità finanziarie  - dalla Banca d’Italia, all’Agenzia delle Dogane e delle Entrate – si chiedono se questi soldi torneranno in Italia, e se sì, come.

L’ultimo scudo fiscale per il rientro di capitali dal Vaticano è stato di un importo complessivo di 1 solo milione di euro.

Secondo l’Aif Vaticana nel 2011 ci sono state 658 operazioni in entrata superiori ai 10mila euro e 1.894 in uscita.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login