Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Grillini: Lobby gay una bufala

Edizione del: 16 giugno 2013

“Quella della Lobby gay Vaticana è una bufala gigantesca che serve a gettare fango sulla comunità omosessuale, e spiace che molti giornali vi diano credito con titoli di prima pagina senza verifica alcuna, legittimando l’idea che gli omosessuali siano sempre pronti a trescare in modo oscuro e sordido come si addice a una minoranza a cui si attribuisce quel grande potere che non ha, secondo la logica del pregiudizio e dello stereotipo di antica memoria”: è la reazione di Franco Grillini, Presidente di Gaynet, che si chiede come mai questa notizia sia uscita proprio mentre in Parlamento si discute delle Leggi su omofobia e unioni gay.

“Esiste veramente una ‘Lobby gay’ in Vaticano capace addirittura di favorire carriere e posti di potere nonché di mettere veti sui documenti e sulle decisioni al più alto livello? A me pare che il modo in cui è uscita sia più simile a una spy story che a una analisi basata su elementi certi”, dice Grillini.

“Che in Vaticano ci sia qualcuno, anche ai massimi Vertici, che si dà molto da fare con sesso tra maschi è cosa risaputa e confermata pure da alcuni scandali, come la trasmissione Exit su La 7 che ha impallinato il Capo della Congregazione dei preti mentre parlava di una prestazione sadomaso con un finto prostituto. Basta questo – si chiede Grillini – per parlare di una Lobby organizzata nel luogo più omofobo del mondo e capace di tutto? La mia opinione è che in Vaticano ci siano tanti gay quanti etero e che non essendo sopprimibile la sessualità in una persona adulta e in buona salute, il sesto comandamento sia tranquillamente e ipocritamente violato nelle segrete stanze da chiunque, indipendentemente dalla propria sessualità”.

“In ogni caso l’esistenza di un Clero maschile che fa sesso con altri maschi non autorizza a parlare di lobby gay, perché non siamo affatto di fronte a un gruppo che fa gli interessi della comunità omosessuale bensì a un gruppo che è parte integrante di una struttura di potere, quella Vaticana, violentemente omofoba”, conclude l’esponente gay.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login