Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

GMG:sicurezza brasiliana fa acqua

Edizione del: 22 luglio 2013

Il Papa è atterrato in Brasile in anticipo, rispetto all’orario ufficiale, e tutto sembrava comunque filare liscio fino a quando l’auto, non protocollare, non blindata, di Papa Francesco si è introdotta nel traffico cittadino.

Ebbene la sicurezza brasiliana non è riuscita a garantire la viabilità del corteo papale, fino a farlo imbottigliare in un blocco del traffico, in una via principale, piena di autobus.

Solo gli uomini della Gendarmeria Vaticana, assieme a due ufficiali della Guardia Svizzera Pontificia, si sono stretti attorno alla macchina che ospitava il Papa per cercare di proteggere Papa Francesco dall’assalto incruente – anche se non con intenzioni bellicose – dei brasiliani e dei ragazzi arrivati per la Gmg.

Assenti del tutto gli 007 brasiliani.

C’è da chiedersi come possa accadere una cosa del genere, soprattutto mentre la corsia parallela a quella percorsa dal corteo papale era sgombra.

Impressionanti – soprattutto per gli addetti ai lavori, giornalisti e guardie del corpo – le immagini dell’elicottero che hanno mostrato tutta la drammaticità dell’episodio, che poteva avere un epilogo tragico, non solo per il Papa, ma anche per la folla che ha cominciato, all’improvviso, ad accalcarsi attorno alla macchina papale.

Il Papa, tranquillo, si godeva tutta la scena dalla sua macchina, con il finestrino tranquillamente abbassato.

Siamo sicuri che stanotte, quando la parte ufficiale dei saluti protocollari saranno terminati, il responsabile della sicurezza vaticana, Domenico Giani, che in quei momenti ha sudato freddo, come tutti i suoi uomini, farà sentire tutta la sua voce di protesta.

Franco Mariani


Autore: 

Franco Mariani, direttore di News Cattoliche, classe 1964, giornalista, ha cominciato ad occuparsi di giornalismo nel 1978, a 14 anni, l’anno dei tre Papi, scrivendo per alcuni settimanali cattolici, passando poi a quotidiani, televisioni, radio e web. E’ giornalista Vaticanista, critico cinematografico ed esperto dell’Alluvione di Firenze del 1966 e dello Zecchino d’Oro. Ha frequentato la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze. In seno al Sindacato unitario dei giornalisti ha ricoperto vari incarichi regionali e nazionali. E’ direttore di varie testate e ha pubblicato diversi libri sulla storia del papato e di Firenze. E’ Cavaliere di Merito dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio.

You must be logged in to post a comment Login