Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

GMG: mostra Guardia Svizzera

Edizione del: 25 luglio 2013

Una Mostra sulla Guardia Svizzera Pontificia, l’esercito pontificio, il più antico esercito al mondo, con oltre 500 anni di vita, sarà inaugurata a Buenos Aires nella giornata di oggi, 25 luglio.

 La mostra -  ”La Guardia Svizzera e il Santo Padre” - sarà presentata dal Ministero degli affari esteri e culto, dalla Nunziatura Apostolica, dall’Ambasciata Svizzera a Buenos Aires.

 La mostra sarà esposta presso il Palazzo San Martín, il 25 e 26 luglio, nella Cattedrale metropolitana, dal 1 al 25 agosto, e alla scuola dell’Immacolata Concezione nella provincia di Santa Fe, dal 5 al 25 novembre.

 La mostra consiste di 17 pannelli, 4 cartelloni, 1 pannello per foto e 3 vetrine con oggetti della Guardia,  tutti provenienti dalla Svizzera e dal Vaticano.

 Da più di 500 anni fa i soldati della Guardia Svizzera sono responsabili della sicurezza del Papa.

 Il loro primo importante atto di difesa, e martirio, avvenne il 6 maggio 1527, quando le forze spagnole attaccarono Papa Clemente VII, finendo per trucidare quasi tutte le Guardie Svizzere, compreso il Comandante con la moglie.

Il loro sacrificio permise al Papa di rifugiarsi a Castel Sant’Angelo.

Oggi i nuovi Alabardieri, dopo la scuola reclute, giurano fedeltà al Papa e alla Chiesa ogni 6 maggio, in ricordo di quell’alto atto eroico.

 Le uniformi ufficiali sono i costumi militari più famosi del mondo, e i loro colori sono i colori ufficiali di Papa Giulio II e dei Papi della famiglia fiorentina dei Medici.

 Attualmente è formato da 110 soldati per difendere i 44 ettari del Vaticano, lo Stato più piccolo al mondo, e per mantenere la sicurezza del Papa.

La ferma dura almeno due anni, ma molti di loro la rinnovano per altri anni, finendo poi anche per sposarsi e mettere su famiglia proprio durante questo speciale servizio militare che è appannaggio esclusivo dei soli giovani svizzeri, di provata fede cattolica e che abbiano già effettuato la leva nell’esercito svizzero.

I soldati del Papa, oltre alle attività militari e di sorveglianza e custodia del Papa e dei confini vaticani curano molto anche l’aspetto spirituale grazie al proprio Cappellano che è uno degli ufficiali della GSP, responsabile anche della biblioteca e delle attività culturali.


Autore: 

Franco Mariani, direttore di News Cattoliche, classe 1964, giornalista, ha cominciato ad occuparsi di giornalismo nel 1978, a 14 anni, l’anno dei tre Papi, scrivendo per alcuni settimanali cattolici, passando poi a quotidiani, televisioni, radio e web. E’ giornalista Vaticanista, critico cinematografico ed esperto dell’Alluvione di Firenze del 1966 e dello Zecchino d’Oro. Ha frequentato la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze. In seno al Sindacato unitario dei giornalisti ha ricoperto vari incarichi regionali e nazionali. E’ direttore di varie testate e ha pubblicato diversi libri sulla storia del papato e di Firenze. E’ Cavaliere di Merito dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio.

You must be logged in to post a comment Login