Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Gli Anni Santi nella storia

Edizione del: 8 dicembre 2015

porta santa san pietroL’Anno Santo può essere Ordinario, come avvenuto fino ad oggi 26 volte, o Straordinario come si è verificato oltre 90 volte.

La storia del Giubileo si lega alla tradizione Ebraica che fissava, ogni 50 anni, un Anno Santo durante il quale venivano sospesi i lavori nei campi, restituite le terre confiscate e liberati gli schiavi.

La tromba con cui si annunciava tale periodo era un corno d’ariete, che in Ebraico si dice “Yobel”, da cui deriva la parola Giubileo.

Nel Cristianesimo l’Anno Giubilare venne istituito per consolidare la fede, favorire opere di solidarietà e la comunione fraterna all’interno della Chiesa e nella Società, stimolando i credenti ad una più sincera e coerente professione di fede in Cristo.

Fu Papa Bonifacio VIII ad indire, nel 1300, il primo Anno Santo della storia, con la Bolla “Antiquorum Habet Fida Relatio”.

La data di inizio fu il 22 febbraio, festa della Cattedra di San Pietro.

Nel 1350, Clemente VI indisse un altro Giubileo, disponendo che in futuro questo anno di grazia venisse celebrato ogni 50 anni.

Nel 1470 però Papa Paolo II stabilì che il Giubileo si doveva svolgere non più ogni 50 anni ma ogni 25 anni.

L’Anno Santo del 1575 registò l’arrivo a Roma di oltre 300mila pellegrini.

Gli ultimi Anni Santi Straordinari sono stati quelli indetti da Pio XI nel 1933 e da San Giovanni Paolo II nel 1983, rispettivamente per i 1900 e per i 1950 anni della Redenzione.

L’ultimo Anno Santo che è stato celebrato è quello del 2000, indetto da Papa Wojtyla che così, nel suo lungo pontificato, ha indetto due Giubilei.

Prima di lui era toccato, nel 1975 al Beato Papa Paolo VI.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login