Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Giuramento 35 Guardie Svizzere

Edizione del: 8 maggio 2013

Trentacinque nuove Guardie Svizzere lunedì pomeriggio sono state protagoniste della solenne cerimonia nel Cortile di San Damaso del Palazzo Apostolico, dove hanno giurato  “di servire fedelmente, lealmente e onorevolmente il Sommo Pontefice”.

Hanno giurato sulla nuova bandiera con lo stemma di Papa Francesco.

Un rito antico per commemorare quanto accadde il 6 maggio del 1527 quando 147 soldati elvetici caddero in difesa del Papa durante il “Sacco di Roma”.

Ha partecipato all’evento anche il Presidente della Confederazione Elvetica, Ueli Maurer, che in mattinata aveva avuto un’Udienza con il Papa, mentre in rappresentanza del Pontefice era presente il Sostituto della Segreteria di Stato, Mons. Angelo Becciu.

“Siamo testimoni di un momento molto bello per la Chiesa”, aveva detto il Comandante del Corpo, il Colonnello Daniel Anrig.

“Vedete quanta cordialità, gioia ed allegria c’è a San Pietro. Si vede che la fede c’è”, ha sottolineato.

Papa Francesco aveva voluto qualche giorno fa una rappresentanza della Guardia Svizzera alla Messa mattutina a Santa Marta e aveva detto loro: “La Chiesa vi vuole tanto bene e anch’io”.

Le Guardie Svizzere si trovano con Papa Francesco di fronte ad un servizio un pò diverso.

Abita a Santa Marta e quindi oltre al Palazzo Apostolico, che comunque utilizza per gli incontri, debbono presidiare anche la Domus.

Anche se il servizio delle Guardie, famose in tutto il mondo per i colori delle loro divise, resta come sempre “quello di bravi soldati, corretti, discreti e riservati”, aveva tenuto a dire il loro Capo.

Il Comandante Anrig non ha confermato, ma neanche smentito, le indiscrezioni circolate nei giorni scorsi secondo le quali il Papa si sarebbe fermato a parlare con la Guardia che era in servizio davanti alla sua stanza. Si dice che abbia offerto al militare una sedia e anche qualcosa da mangiare.

Il Comandante sorride ma preferisce non commentare.

I nuovi Alabardieri sono 28 di lingua tedesca, sei di lingua francese, e uno solo di lingua italiana,  da Losone nel Canton Ticino.

La Guardia Pontificia è da qualche tempo anche su Facebook.

Nel periodo di passaggio da Benedetto XVI a Papa Francesco “c’è stata un’esplosione di contatti ma per quanto riguarda il reclutamento – ha detto con franchezza il Comandante – ancora non vediamo il successo che speravamo”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login