Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Francescani Martiri in Perù: il Vaticano esamina la causa

Edizione del: 6 gennaio 2015

Martiri Francescani PerùNel prossimo mese di febbraio il Vaticano esaminerà l’argomento del presunto Martirio di 2 Frati polacchi e di un sacerdote italiano assassinati dai terroristi di Sendero Luminoso in Perù, che trucidarono migliaia di persone negli anni ‘80 e ‘90 del secolo scorso.

A darne notizie, sono i Frati Minori Conventuali.

I Frati che avrebbero subito il Martirio sono Michał Tomaszek e Zbigniew Strzałkowski, dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali, e Alessandro Dordi, sacerdote diocesano Fidei Donum di Bergamo, assassinati rispettivamente nelle cittadine di Pariacoto e Santa nel 1991.

La Causa di Beatificazione dei 3 Servi di Dio, scrivono i Conventuali, è arrivata alla fase dell’esame da parte dei Cardinali e Vescovi, che studiano la Positio, il libro che raccoglie tutti i documenti che si riferiscono al loro caso e che serve come base per il verdetto finale se potranno essere dichiarati Martiri.

Il Postulatore della causa dei 3 Missionari è il Frate Conventuale Angelo Paleri.

Quest’ultimo ha spiegato che la Congregazione Ordinaria dei Cardinali che esaminerà il caso “è fissata per il 3 febbraio 2015”.

Il Religioso ha precisato tuttavia se i Cardinali e Vescovi daranno un voto positivo, dipenderà poi da Papa Francesco pubblicare o no il decreto sul loro Martirio.

Se ciò non accadesse, “la causa terminerebbe lì!”, ha sentenziato Fra’ Angelo.

La Congregazione delle Cause dei Santi già il 5 giugno 1995 aveva permesso l’apertura dell’inchiesta diocesana per questi 3 Servi di Dio, un anno prima che si compisse il termine richiesto dalle attuali norme della Chiesa, cioè prima che passassero 5 anni dalla morte dei candidati.

I Conventuali ricordano che i 3 Religiosi furono assassinati dopo aver celebrato l’Eucaristia, con colpi d’arma da fuoco.

Ad uno di loro fu tesa un’imboscata, mentre sui corpi degli altri 2 i terroristi lasciarono un cartello con la scritta: “Così muoiono i lacchè dell’imperialismo”.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login