Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Forum Famiglie su affido gay

Edizione del: 20 novembre 2013

E’ duro il commento del  Forum delle Associazioni Familiari alla vicenda di Bologna: “Perfino la Procura era contraria, ma il Giudice Minorile di Bologna ha tirato dritto, decidendo di affidare una bambina di 3 anni ad una coppia omosessuale. E’ bastato piegare la norma all’ideologia del ‘genere’ che diventa criterio unico anche per scelte che dovrebbero tenere unicamente conto del benessere del minore”.

“Di sicuro il bene per la bambina sarebbe stato, una volta accertata l’impossibilità di rimanere coi genitori naturali, essere accolta da una famiglia preparata e selezionata come idonea a ricevere un minore in affido temporaneo – afferma Francesco Belletti, Presidente del Forum – una famiglia con una mamma e un papà che, prescindendo da ogni considerazione culturale, sono sicuramente più idonei a garantire ad un bambino un miglior sviluppo rispetto a 2 persone dello stesso sesso. Non vale la logica della temporaneità: come ben sanno gli addetti ai lavori, quella logica viene troppo spesso smentita dai fatti e sono molteplici gli affidi che diventano vere e proprie adozioni definitive. E se anche fosse veramente temporaneo, la bambina si troverebbe a essere rimbalzata da una realtà con un padre e una madre a una con 2 padri e poi di nuovo alle due figure naturali. A 3 anni è difficile che questo tira e molla non provochi conseguenze sullo sviluppo”.

“Possibile che non ci fosse una famiglia disponibile all’affido? Nelle nostre Associazioni ci sono centinaia di coppie pronte all’accoglienza, delle quali diverse si sono fatte avanti proprio in queste ore, possibile che il Giudice non ne abbia incrociata nessuna?” si chiede Belletti, che conclude: “è inevitabile che sorga il dubbio che non si tratti di una scelta fatta per il bene del bambino, ma piuttosto del solito segnale ideologico che in questo caso passa sulle spalle di una bambina”.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login